1861: stragi e morti in tutta la Sicilia nel nome santo di Garibaldi

1861: stragi e morti in tutta la Sicilia nel nome santo di Garibaldi
17 ottobre 2020

“L’unità d’Italia, una storia di riscrivere”, è il titolo di un libro di Giancarlo Padula. Leggendo queste poche righe ci si fa un’idea di che cosa era la Sicilia un anno dopo la ‘presunta’ unificazione italiana. E ci si fa un’idea di tutte le fesserie che ci hanno raccontato fino ad oggi e, soprattutto, delle cose che ci hanno nascosto 

“A Biancavilla altre stragi, la plebe aizzata e capitanata da un certo Biondi, in pochi giorni commette ventisette omicidi…a Trecastagni, a San Filippo D’Agira, a Castiglione, a Noto, si continua a far lo stesso…l’anarchia con i furti e gli assassinii si burla del governo liberale…l’8 marzo del 1861 fu giorno di sterminio, una banda di ottanta assassini mette la città di Santa Margherita a sangue e fuoco; trentaquattro persone vi sono massacrate”. Sempre nel nome santo di Garibaldi.

Trentasei assassinati a Girgenti. “A Girgenti assaltano le prigioni del castello, strappano trentasei persone sospettate di borbonismo, le trascinano nel vescovado e le massacrarono. Questa orgia viene imitata dai cannibali dei paesi vicini e per otto giorni vi è stata una spaventevole successione di rapine e stragi. Presso Resuttano, tra Caltanissetta e Cefalù, due bande, disputandosi il bottino, lottano tre ore, lasciando undici cadaveri sul luogo del conflitto e ancora uccisioni, stragi, rapine, mafia, disordine, prepotenze, balzelli…non vi è luogo della Sicilia che non sia brutto ed infetto dal sangue e dalla decomposizione dei cadaveri…”

Giancarlo Padula L’unità d’Italia, una storia da riscrivere, Edizioni GPI, pag. 39.

Tratto da Regno delle Due Sicilie.eu

Foto tratta da www.piantoromanocalatafimi.it

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti