1860: quando in Sicilia i generali dei Savoia arrestavano i genitori di chi rifiutava la leva militare

1860: quando in Sicilia i generali dei Savoia arrestavano i genitori di chi rifiutava la leva militare
16 ottobre 2020

I ragazzi siciliani, all’indomani della ‘presunta’ unificazione italiana, dovevano regalare sette anni della loro vita per svolgere il servizio militare nelle milizie degli invasori piemontesi. I più si davano alla macchia. I generali dei Savoia, per catturarli, non esitavano a tagliare l’acqua per settimane ad interi Paesi della Sicilia e ad arrestare i genitori dei “contumaci” 

“Il proclama e la condotta del militare di Licata furono imitati a Trapani, Girgenti, Sciacca, Favara, Bagheria, Calatafimi, Marsala, ove fu distrutto anche il raccolto del vino, e in altri comuni”.

E l’acqua mancò per un’intera settimana!

Sempre D’Ondes Reggio, nella tornata del 7 dicembre 1863, “dà lettura dell’ordinanza d’un altro comandante piemontese che dispone l’arresto di tutti coloro da’ cui volti si sospetti d’essere coscritti di leva, e anche l’arresto dei genitori e dei maestri d’arte dei contumaci”.

“Questo avveniva a Palermo: i cittadini ricorsero al Prefetto che rispose nulla sapere e nulla potere! In una città di 230 mila anime, il capo del governo nulla sa, nulla può!”

“Questa lunga Iliade finiva con due catastrofi: la prima fu quella di Petralia: una capanna fu circondata dalla truppa, non per trovare un coscritto, ma per chiedere informazioni; gli abitanti erano tre, padre, figlio e figlia, e questi tre furono bruciati vivi per non aver voluto aprire!”.

Michele Antonino Crociata, Sicilia nella storia, Tomo II, pag. 112.

Tratto da Regno delle Due Sicilie.eu 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti