Quando gli avvocati di Napoli e di Palermo si ribellarono alle nuove tasse dei Savoia

10 ottobre 2020

Subito dopo la ‘presunta unificazione italiana, non contenti di aver derubato il Banco di Napoli e il Banco di Sicilia, non contenti di aver rapinato la Chiesa, i piemontesi cominciano a imporre nuovi e iniqui tributi a tutte le categorie, compresa l’esosa tassa sul registro e bollo che provocò lo sdegno degli avvocati di Napoli e di Palermo

Grave agitazione produce nel foro, e nell’ordine degli avvocati la nuova tassa sul registro e bollo, che era pur troppo mite e tenue sotto il cessato governo.

Accadono disordini, ed il pubblico protesta con dimostrazioni minacciose ne’ tribunali; a’ 2 giugno, allo aprirsi della udienza in Napoli si levano furibondi clamori, urli e fischi, che fanno tremare i magistrati: sono chiamate le cause, ma gli avvocati, benché presenti, si astengono dal rispondere, e le fanno decadere: accorre la guardia nazionale; ma il tumulto non cessa, e si ripete ne’ giorni seguenti, non solo in Napoli, ma anche nelle altre Provincie, e, se ne inviano telegrammi pressanti a Torino. Contemporaneamente più minaccioso è il contegno degli avvocati di Sicilia, dove indignatissimo è il popolo per le vie di Palermo, e minaccia nuovi torbidi per gli 11 giugno: il governo intimidito si mostra condiscendente verso i Siciliani prorogando la riscossione delle nuove imposte; non così verso i Napoletani, contro i quali aumenta soldati e cannoni ne’ castelli. La opposizione alle oppressive tasse e ‘l malumore popolare si sfoga con petizioni al parlamento di Torino, e quivi si accendono le discussioni.

……………………………………..gov. Borb. gov. Piem.

1. Tasse fiscali su gli atti civili

e contratti lire…………………2.703.750 18.000.000

2. idem su gli atti giudiziari 799.900 2.800.000

3. idem su le successione nulla 6.000.000

4. idem su registro, e bollo 2.863.000 10.800.000

5. idem su gli atti amministrativi nulla 884.600

Totale 6.365.760 38.434.000

Francesco Durelli – Colpo d’occhio su Le condizioni del Reame delle Due Sicilie nel corso dell’anno 1862 – Ripostes Edizioni, pag. 25, 26.

Tratto da Regno delle Due Sicilie.eu

Foto tratta da Filodiritto

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


Sicilia greca: le colonie più famose


di I Nuovi Vespri

La Sicilia, come larga parte delle regioni del Mezzogiorno italiano, vanta una grande tradizione turistica: si trova costantemente ai primi […]