Scuola e Coronavirus: più di 740 classi in quarantena. ANIEF: indennità di rischio per docenti e ATA

Scuola e Coronavirus: più di 740 classi in quarantena. ANIEF: indennità di rischio per docenti e ATA
1 ottobre 2020

Questo avviene mentre la situazione generale peggiora in tante regioni italiane con un aumento dei contagi. Chiesta un’indennità di rischio per docenti e personale ATA

E’ inutile girarci attorno: la scuola, in Italia, non sta cominciando bene. Più di 740 classi in quarantena – dato fornito dal sindacato ANIEF – non sono pochi. E sono rischi per docenti e personale ATA che vanno messi in conto.

“Nei nostri istituti scolastici – leggiamo in un comunicato dell’ANIEF – il Ministero della Salute apre agli esami individuali con test rapidi i cui risultati sono visibili in soli 15 minuti”.

“I test – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale ANIEF – sono una buona azione preventiva, ma bisogna anche riconoscere subito il rischio biologico per tutto il personale scolastico impegnato a lavorare nei luoghi di assembramento”.

Il sindacalista si appella poi agli studenti:

“Indossate la mascherina, anche all’aperto prima e dopo l’entrata negli edifici scolastici per evitare una nuova chiusura generalizzata”.

RISCHIO BIOLOGICO – Rischio biologico è la parola d’ordine del giovane sindacato in questi giorni, durante i quali si riscontrano casi in aumento di Covid a scuola e si chiudono sempre più classi. Questo mentre il Ministero dell’Istruzione chiede ai direttori degli uffici scolastici regionali, con la Nota 1583, di aggiornare settimanalmente l’elenco delle sedi o classi chiuse per via dell’isolamento preventivo fiduciario a cui sono soggetti alunni, insegnanti, ATA.

NUOVE REGOLE – “Il riconoscimento di tale rischio – spiega Marcello Pacifico – dovrà portare nuove regole per il rinnovo del contratto col riconoscimento di una precisa indennità che il giovane sindacato individua in una diaria quotidiana di dieci euro (pari quindi a 300 euro mensili), nuove regole sulla mobilità che aboliscano i divieti esistenti a fronte di possibili chiusure e sulle pensioni, visto l’alto numero di over 60 e di lavoratori potenzialmente fragili e il riscontrato livello di burnout già denunciato dalla stampa per via della maggiore vulnerabilità di chi siede dietro la cattedra”.

“È anche però evidente – continua il presidente del sindacato autonomo – che per diminuire il rischio contagio nella popolazione non basta attendere le ordinanze dei presidenti delle Regioni di Sicilia e Campania sull’utilizzo dell’obbligo delle mascherine all’aperto tra gli estranei al proprio gruppo familiare. Questa norma comportamentale deve essere rispettata indistintamente in tutto il territorio nazionale”.

Marcello Pacifico rinnova l’appello a famiglie e personale scolastico perché “un nuovo patto educativo porti a comportamenti corretti per evitare un nuovo lockdown generalizzato. Troppe volte vediamo in questi giorni ragazzi e ragazze non rispettare il distanziamento sociale prima di entrare o dopo esser usciti da scuola, nei bar, nelle strade. Esattamente come l’abbiamo visto quest’estate. Soltanto che dal 24 maggio al 24 luglio i positivi erano scesi da 50 mila a 12 mila positivi, mentre oggi, dopo due mesi, siamo ai livelli della scorsa Primavera. Serve responsabilità e riconoscimento della professionalità – conclude il sindacalista – da parte di più di un milione di educatori che cercano di aprire ogni giorno le nostre scuole nonostante tutto”.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti