Con l’arrivo dei piemontesi nel Sud e in Sicilia la fucilazione dei meridionali diventa un ‘bisogno’ del nuovo Stato!

30 settembre 2020

Oggi proponiamo ai nostri lettori la riflessione amara di un molisano che, ventenne, aveva partecipato ai moti liberali del 1848 e che, nel 1860, vivrà sulla propria pelle la cattiveria, il razzismo e le ruberie dei piemontesi lanciati alla conquista del Regno delle Due Sicilie con l’appoggio degli inglesi

“Il progresso e la civiltà, nei tempi correnti, vengono interpretati diversamente da quello che si intendevano innanzi. Oggi, progresso e civiltà all’uso piemontese vuol dire: abbassamento della suprema autorità, della civiltà, della morale. Secondo la loro moda: la proprietà è furto; il diritto è tirannide; la religione è inceppamento; la pietà è delitto; il fucilare è bisogno; lo spoglio dei popoli è necessità. Chi è dunque cieco anche nella mente, da non vedere in questo civiltà ed in questo progresso l’abbruttimento della società?”.

Teodoro Salzillo 1868

(L’autore di questa riflessione è un molisano di Pozzilli. Era nato nel 1826. Il personaggio merita perché ha provato sulla propria pelle la conquista regno delle Due Sicilie da parte dei piemontesi. Di formazione liberale, nel 1848, poco più che ventenne, partecipa ai moti rivoluzionari. Dodici anni dopo, quando i piemontesi, con l’appoggio degli inglesi, cominciano a conquistare il Regno delle Due Sicilie, capisce che c’è qualcosa che non va. E non esita a schierarsi con Francesco II a difesa del regno che pure, da liberale, nel 1848, aveva combattuto.

Salzillo è testimone di eccidi e ingiustizie perpetrate ai danni delle genti del Sud Italia. E lo scrive, perché oltre ad essere un valente soldato era anche un valente scrittore. Combatte con tutte le sua forze l’invasione piemontese e partecipa alla difesa di Gaeta.

La testimonianza di Salzillo è importante, perché vivrà fino al 1904 e avrà modo di vedere il declino di un Regno che era uno dei più ricchi d’Europa, ridotto a colonia in un’Italia nata sbagliata e cresciuta in peggio.

Foto tratta da Vesuvio Live 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


Sicilia greca: le colonie più famose


di I Nuovi Vespri

La Sicilia, come larga parte delle regioni del Mezzogiorno italiano, vanta una grande tradizione turistica: si trova costantemente ai primi […]