Diego Fusaro: “La digitalizzazione della scuola prevede la cancellazione dei libri e della scrittura cartacea”

Diego Fusaro: “La digitalizzazione della scuola prevede la cancellazione dei libri e della scrittura cartacea”
17 settembre 2020

Il filosofo e commentatore marxista, Diego Fusaro, illustra qual è, a suo modo di vedere, il vero obiettivo dei banchi a rotelle: anche la scuola dovrà diventare “liquida”: ovvero “atomi in movimento, con relazioni effimere a mo’ di urto istantaneo come quelle del mercato…” sotto il segno del Covid-19…

di Diego Fusaro

I banchi con le rotelle non sono un’invenzione per fronteggiare il Covid-19, contrariamente a ciò che vi dice il governo. Esistono da almeno 2 anni, prodotti da una azienda – guarda un po’ – statunitense. Tra l’altro, pensateci: se servissero a distanziare, sarebbero davvero pessimi, dato che si muovono e possono entrare in contatto reciproco.

Basterebbe separare i vecchi banchi, come si faceva coi compiti in classe! E invece no: l’obiettivo è imporre, con l’emergenza Covid-19, un rimodellamento anche della scuola. Una scuola liquida, di atomi che si muovono e danno luogo a urti fugaci, mai a relazioni stabili nel tempo e nello spazio. Come nella sfera della circolazione delle merci.

Inoltre sui banchi a rotelle non ci stanno i libri e i quaderni, per mancanza di spazio. Ci stanno solo i tablet. La digitalizzazione della scuola prevede la cancellazione dei libri e della scrittura cartacea. Tutto deve essere digitale.

Ancora una volta, il Covid-19 è una grande opportunità per il capitale per attuare e velocizzare i propri progetti e le proprie tendenze: società liquida di atomi in movimento, con relazioni effimere a mo’ di urto istantaneo come quelle del mercato, senza più la cultura del libro e della carta.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti