Coronavirus: e l’assessore Razza disse: ora basta! Siciliani a casa e migranti per le strade?

Coronavirus: e l’assessore Razza disse: ora basta! Siciliani a casa e migranti per le strade?
7 agosto 2020

Dice il Governo regionale siciliano che il numero dei contagi cresce. Dicono a Roma che la Sicilia ha il peggiore Rt d’Italia. E di chi è la colpa? Dei ragazzi che prendono l’aperitivo? E i turisti e i migranti dove li mettiamo?  

Coronavirus in Sicilia: volete vedere che questi, se la situazione peggiorerà, ci chiuderanno di nuovo tutti a casa? Già sulla propria pagina Facebook l’assessore regionale alla Salute-Sanità, Ruggero Razza, mette le mani avanti:

“Basta fare finta di nulla. Saremo costretti altrimenti a misure di contenimento. Occorre rispettare regole basilari. Altrimenti saranno resi vani gli sforzi di questi mesi”.

Così, tanto per chiedere: assessore, chi è che avrebbe fatto finta di nulla? Voi che insieme con i geni del Governo Conte bis a Roma avete riaperto al turismo, consentendo il via vai degli italiani da una Regione all’altra, o i cittadini siciliani, già penalizzati da una chiusura delle attività che – come dimostra la lettura dei verbali del Comitato Tecnico Scientifico – non aveva alcuna ragion d’essere in Sicilia e nel Sud?

Chi è che avrebbe fatto finta di nulla, assessore Razza, il Governo nazionale che ha riempito la Sicilia di migranti, o i cittadini siciliani costretti a subire anche questo, comprese le fughe degli stessi migranti da Hotspot e Centri di accoglienza?

Ora che i contagi in Sicilia crescono, ora che la nostra Isola registra l’Rt peggiore d’Italia la responsabilità è dei ragazzi che si prendono l’aperitivo?

Noi non siamo negazionisti: a nostro modesto avviso il virus c’è, eccome se c’è! Però vorremmo capire: ‘sto virus che danni fa? Sappiamo che la terapia sbagliata è in soffitta, che c’è sempre l’idrossiclorochina alla faccia di chi la denigra, sappiamo che sul vaccino è in corso una colossale speculazione mondiale.

Ma non sappiamo se ‘sto Coronavirus, o COVID-19, in Sicilia, che effetti ha.

In ogni caso, l’idea di finire di nuovi tutti chiusi in casa mentre in Libia e in Tunisia c’è chi guadagna una barca di soldi ‘sdivacando’ i migrati in Sicilia non ci piace proprio.

Noi in casa mentre il Governo nazionale porta i migranti a Vizzini che – come avvenuto in queste settimane – cominciano a scappare di qua e di là?

Non funziona così, assessore. Abbiamo capito che non siete in grado di applicare l’articolo 31 dello Statuto. Ma una soluzione alternativa ai Siciliani chiusi in casa mentre i migranti scorrazzano di qua e di là la dovete trovare. Anche per questo vi trovate dove vi trovate.

Ciò posto, ribadiamo quanto scriviamo da tempo: quando c’è una pandemia la prima cosa da fare è impedire la libera circolazione delle persone.

Gli operatori turistici? Interviene lo Stato sovvenzionandoli, perché fare arrivare i turisti è un rischio. In Italia hanno riaperto tutto – peraltro con limitazioni che penalizzano le imprese – perché non ci sono soldi, visto che l’Italia è rimasta ‘impiccata’ all’Unione europea dell’euro.

Ma se c’è la pandemia il turismo – anche se a ranghi ridotti – fa aumentare la circolazione del virus.

Lo stesso discorso vale per i migranti. Piaccia o no, i migranti sono un fattore di rischio. Negarlo nel nome del ‘buonismo’ non serve.

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti