Sarebbero 25 i migranti positivi al Coronavirus sbarcati a Lampedusa

Sarebbero 25 i migranti positivi al Coronavirus sbarcati a Lampedusa
25 luglio 2020

Lo scrive in una nota la Federazione sindacale di polizia (Fsp). A nostro modesto avviso, la ‘lettura’ ci sembra molto ottimistica: a Lampedusa, da oltre una settimana, gli sbarchi si susseguono a ritmo continuo. E, da oltre una settimana, 150-200 migranti al giorno vengono trasferiti a Porto Empedocle. Solo 25 positivi in questo caos? Se è così lampedusani e, in generale, siciliani siamo stati fortunati

Sarebbero 25 i migranti sbarcati a Lampedusa positivi al Coronavirus, o COVID-19. A comunicarlo è la Federazione sindacale di polizia (Fsp):

“Fra i numerosi migranti arrivati negli ultimi giorni a Lampedusa risultano diversi casi di positività al COVID 19, ma non sembra affatto che i meccanismi di risposta sanitaria siano immediati. Urgono protocolli di intervento certi e stabili – dice il segretario dell’Fsp Walter Mazzetti – che tengano al riparo dai rischi altissimi del momento la cittadinanza e gli operatori delle forze dell’ordine impegnati massicciamente sull’isola. E serve che siano individuati luoghi idonei che consentano immediati spostamenti dei positivi e dei numerosi migranti che devono rimanere in quarantena”.”.

La Federazione sindacale di polizia segnala 25 test sierologici positivi tra quelli effettuati ai migranti presenti all’Hotspot di Lampedusa.

“Ci risulta che i test sierologici hanno dato risultato positivo per 25 persone – aggiunge Antonio Allotta, segretario del Sindacato di polizia Mp -. La situazione ci preoccupa, perché tutti i nuovi sbarcati sono stati sul molo per ore, i positivi sono rimasti a lungo divisi dagli altri da una corda rossa, e tutti gli altri, che evidentemente devono essere sottoposti alla quarantena, sono stati pure in attesa sul posto”.

“Adesso i positivi sono stati portati in una piccola struttura chiusa, e saranno sottoposti a ulteriori esami, mentre gli altri sono stati divisi in gruppi e sono ancora in attesa. E non ci risulta che si sappia neppure dove devono essere spostati. Ci sono moltissimi colleghi impegnati a cinturare la zona, ma non è così che ci aspettiamo debba essere gestita la situazione”.

“A Lampedusa – conclude Allotta – non si può affrontare sul momento la questione di come gestire i casi di positività e gli spostamenti in quarantena, né le sei strutture presenti nell’Agrigentino, totalmente fatiscenti, sono adatte a fronteggiare l’emergenza sanitaria”.

A noi il racconto dei sindacalisti della polizia sembra ottimistico. A noi risulta che, da oltre una settimana, da Lampedusa, ogni giorno, 150-200 migranti vengano trasferito a Porto Empedocle. In questi sette giorni ci siamo posti una semplice domanda: possibile che, con tutti questi sbarchi, non sia stato trovato un solo positivo al Coronavirus?

Oggi apprendiamo la notizia che, a Lampedusa, ci sarebbero 25 migranti positivi al Coronavirus. Noi non siamo stupiti: semmai siamo stupiti del fatto che, dopo oltre una settimana di sbarchi, si scoprano solo adesso 25 positivi al Coronavirus.

Tre domande.

Prima domanda: tutti questi barchini sono spontanei o, dietro, c’è un sistema organizzato che si occupa di portare questi barchini a tiro delle autorità italiane che li scortano fino a Lampedusa?

Seconda domanda: in questo momento – cioè in piena emergenza Coronavirus, con il virus in piena diffusione in Africa e con l’aumento dei positivi anche in Italia – quanti altri Paesi europei si trovano nelle stesse condizioni non dell’Italia, ma di Lampedusa e della Sicilia, che sono le due colonie dell’Italia dove l’attuale Governo italiano ha deciso di far sbarcare i migranti in piena pandemia?

Terza domanda: come mai il Ministero degli Interni non comunica i luoghi dove questi migranti vengono portati una volta arrivati a Porto Empedocle?

Rispondendo a queste tre domanda tutto sembra più chiaro…

Foto tratta da Il Primato Nazionale  

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti