Nadia Spallitta: l’ordinanza del sindaco di Palermo sulle bevande alcoliche è illegittima

Nadia Spallitta: l’ordinanza del sindaco di Palermo sulle bevande alcoliche è illegittima
27 giugno 2020

Chissà perché, ma spesso, quando andiamo ad osservare i provvedimenti amministrativi adottati dal Comune di Palermo troviamo le cose più strane. Oggi Nadia Spallitta ci fa notare che, in questo momento, in città, vige un’ordinanza illegittima! Ma la cosa ancora più strana riguarda la vendita delle bevande alcoliche che…

Sorpresa: l’ordinanza del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che limita la vendita delle bevande alcoliche è illegittima perché si fonda su una norma nazionale che in Sicilia non si applica.

Lo dice Nadia Spallitta, esponente di Europa Verde,che nella vita fa l’avvocato.

“I problemi della movida siciliana – sottolinea Nadia Spallitta – non possono essere affrontati con provvedimenti illegittimi e contraddittori, e per molti aspetti, inutili, se non dannosi. L’ultima ordinanza del Sindaco, del 25 giugno 2020, a mio avviso, infatti, è illegittima sotto numerosi profili: in primo luogo, in Sicilia, dotata di competenza esclusiva in materia di enti locali, non opera l’articolo 50 comma 7 bis del dl 267/2000, che attribuisce al Sindaco il potere di limitare gli orari di vendita di bevande alcoliche e superalcoliche, per la tutela della tranquillità dei residenti. Infatti, come ha detto anche il TAR Sicilia in tempi recenti, le norme del decreto legislativo 267/2000 non si applicano se non siano state espressamente recepite. E l’articolo 50 non è stato recepito. L’ordinanza del Sindaco si fonda, quindi, su una norma che in Sicilia non si applica”.

“In ogni caso – precisa ancora il legale – il termine perentorio dei 30 giorni, previsto dall’articolo 50 per le limitazioni alla vendita, è stato di fatto disatteso in quanto le limitazioni assunte inizialmente con un’altra ordinanza, del 12 giugno 2020, scadranno il 25 luglio 2020”.

A questo punto l’esponente di Europa verde racconta una storia che definire strana è poco:

“Tra l’altro l’ordinanza del 25 giugno determina una ingiustificabile disparità di trattamento tra i titolari di distributori automatici – sempre più numerosi per le strade del centro – che possono vendere alcolici per tutta la notte, con conseguenti assembramenti (e abbandono incontrollato di bottiglie) e i titolari dei locali che subiscono un limite irrazionale al libero esercizio della propria attività, con conseguente danno economico, in un momento di crisi in cui ci si aspettano, casomai, misure di sostegno alla piccola imprenditoria locale e all’indotto ad essa collegata”.

Possibile che succede una cosa del genere? A noi sembra incredibile!

“Infine – conclude Nadia Spallitta – trovo contraddittorio che l’emergenza COVID-19, utilizzata come uno dei motivi del provvedimento, possa dipendere o meno da limiti orari nella somministrazione e vendita. Ritengo che la tutela della quiete del cittadino sia fondamentale, e che l’amministrazione debba perseguire questo obiettivo, ma critico queste modalità di approccio che danneggiano l’economia locale, senza risolvere alla base il problema”.

Foto tratta da Parliamo di Cucina

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


In Promo a Palermo

Honda HR-V in promo a Palermo


di I Nuovi Vespri

L’Honda HR-V è il SUV compatto della Casa giapponese: spazioso, versatile, sportivo e dinamico, ma soprattutto sofisticato. Dal design esterno […]