Bonus vacanze: ma siamo sicuri, per com’è stato congegnato, che aiuterà le imprese turistiche?

Bonus vacanze: ma siamo sicuri, per com’è stato congegnato, che aiuterà le imprese turistiche?
16 giugno 2020

A nostro modesto avviso, la politica – con riferimento soprattutto all’attuale Governo nazionale – ha perso il contatto con la realtà. Se il Presidente del Consiglio e i suoi Ministri avessero contezza della realtà non varerebbero certi provvedimenti sbagliati  

Proviamo a commentare, per gran di linee, il Bonus vacanze? Partendo da una domanda: è stato pensato per mandare in vacanza, quasi gratis, i cittadini, o per sostenere le imprese che operano nel turismo?

A questa domanda rispondiamo illustrando il provvedimento.

Da quello che abbiamo capito, l’albergatore mette a disposizione del titolare del Bonus vacanze le proprie strutture ricettive: l’hotel, il ristorante e altri servizi.

Noi immaginavamo, vista la crisi economica provocata dal Coronavirus, che l’imprenditore che opera nel settore turistico avrebbe ricevuto il pagamento contestualmente all’arrivo dei vacanzieri. Nulla di trascendentale: la famiglia passa una settimana in un centro turistico, finite le vacanze consegna il Bonus all’albergatore che, in un paio di giorni, incassa i soldi.

Scopriamo invece che non è così: scopriamo, infatti, che il titolare della struttura turistica anticipa, a proprie spese, il costo delle vacanze, poi, per ricevere il pagamento del Bonus vacanze si va a mettere in fila con tutti gli altri creditori italiani che aspettano di essere pagati dalle pubbliche amministrazioni!

Così, giusto per informare: la pubblica amministrazione italiana, da quando l’Italia è entrata nell’euro, paga con ritardi incredibili i propri creditori. I signori della Ue lo sanno benissimo perché la pubblica amministrazione italiana paga con ritardo i propri creditori, perché sono proprio i nostri ‘amici’ di Bruxelles che affamano l’Italia.

Eppure – dimostrazione di grande ipocrisia! – l’Unione europea ha più volte multato l’Italia proprio perché la pubblica amministrazione italiana paga con notevole ritardo i propri creditori.

C’è di più. Il titolare della struttura turistica non solo deve anticipare tutte le spese, ma non può neanche usufruire di agevolazioni sul credito d’imposta. Esempio: lo Stato italiano gli deve – per ipotesi – 10 mila euro di Bonus vacanze, lui deve allo Stato 10 mila euro di imposte, si fa ‘pari e patta’ e tutto si chiude lì.

Invece no: l’impresa turistica non può usufruire nemmeno di questa, chiamiamola così, ‘agevolazione’: deve ricevere dallo Stato 10 mila euro? Che aspetti! Intanto se deve pagare 10 mila euro di imposte, deve pagarle subito!

C’è da chiedersi: questo Bonus vacanze aiuta le imprese turistiche? Se l’imprenditore è ricco, sì: avendo i soldi si può permettere di aspettare un anno e anche più: tanto prima o poi i pagamenti dello Stato arriveranno.

Ma se – come in questo momento – tanti imprenditori del settore turistico sono in grande difficoltà, in che cosa consisterebbe questa agevolazione? Un’impresa turistica che è già in grande difficoltà deve anticipare i soldi del Bonus vacanze e mettersi in fila per incassare i crediti dallo Stato chissà quando?

In un momento come quello attuale questo sarebbe un aiuto? Qualcuno ha spiegato questa ‘banalità’ al Presidente del Consiglio e ai suoi ‘Stati generali dell’economia’?

Foto tratta da Caf Acli      

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti