Cinque Paesi della Ue bloccano il Recovery fund. Nubi sull’Italia. E il 5G cinese che…

Cinque Paesi della Ue bloccano il Recovery fund. Nubi sull’Italia. E il 5G cinese che…
6 giugno 2020

I Paesi europei che stanno bloccando il Recovery fund perché non vogliono sentir parlare di interventi a fondo perduto sono Finlandia, Olanda, Danimarca, Svezia e Austria. Il loro obiettivo è costringere i Paesi europei in difficoltà – Italia in testa – o ad accettare il MES, o a trasformare lo stesso Recovery fund in MES. In questo scenario c’è anche il 5G cinese che bulla alla porta come sta avvenendo a Palermo…  

di Economicus

A che punto è il Recovery fund? Si tratta del Fondo europeo per la ricostruzione. Sulla carta sono 750 miliardi di euro: 500 miliardi di euro a fondo perduto e 250 miliardi di euro di prestiti. Così ha annunciato la Commissione europea presieduta da Ursula von der Leyen. Cosa c’è di vero in questi ‘numeri’? Finora nulla. Il dato certo è che questo benedetto Fondo deve essere approvato da tutt’e 27 i Paesi dell’Unione europea. Ma già cinque Paesi hanno detto no. Sono la Finlandia, l’Olanda, la Danimarca, la Svezia e l’Austria.

Perché questi Paesi dicono di no al Recovery Fund? Perché si rifiutano di pagare, in quota parte, gli aiuti ad Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Grecia.

I governi dei paesi che dicono no al Recovery fund sostengono che ogni Paese europea deve pagare i propri debiti.

In realtà, tutti i Paesi indebitati (leggere debito pubblico) pagano i propri debiti. E li pagano, ogni anno. L’Italia, ad esempio, fino ad oggi, ha pagato 4 miliardi di euro di soli interessi sul proprio debito pubblico, una somma maggiora dell’attuale debito pubblico che non raggiunge e 2 mila e 500 miliardi di euro.

Qual è allora il problema? Il problema è che l’Unione europea non è un’unione di popoli, ma una raffazzonata unione di Paesi dove ogni paese tira acqua al proprio mulino. Nemmeno l’emergenza Coronavirus o COVID-19, che in Italia è stata particolarmente grave, ha fatto venire meno la pressoché totale assenza di solidarietà tra i Paesi europei.

In particolare, ai cinque Paesi contrari al Recovery fund non vanno giù i contributi a fondo perduto: sono i 500 miliardi di euro annunciati dalla Commissione europea. Che, ovviamente, dovrebbero essere pagati in quota parte da tutt’e 27 i Paesi della Ue.

Che succederà, a questo punto? Intanto che la trattativa tra i Governi dei 27 Paesi andrà per le lunghe. E che, se non si vorrà far saltare il banco (leggere l’uscita dall’Unione europea minacciata da alcuni dei Paesi contrari al ricorso al fondo perduto), bisognerà mediare.

Morale: ci vorrà più tempo prima di trovare un accordo e le risorse a fondo perduto verranno ridotte.

Alcuni Paesi della Ue – e qui andiamo oltre i cinque Paesi contrari al Recovery fund – chiedono che i soldi vengano erogati a Francia, Italia, Spagna, Portogallo e Grecia solo se rispetteranno alcune condizioni: si tratta delle note ‘condizionalità’ previste dal MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) che dovrebbero essere applicate anche al Recovery fund.

E quali sarebbero queste ‘condizionalità’? Le solite: riduzione delle pensioni, riduzione del numero dei dipendenti pubblici, riduzione dei dipendenti pubblici e, se le condizioni lo dovessero richiedere, i cittadini italiani potrebbero ‘contribuire’ al pagamento dei debiti con i propri risparmi…

E’ interessante capire chi sono, o meglio, di che colore politico sono i Governi dei cinque Paesi europei che ostacolano il Recovery fund e che non vogliono nemmeno sentire parlare di interventi a fondo perduto.

Fino ad ora hanno detto che sono tutte formazioni politiche populiste. Il quotidiano on line scenari economici.it ha effettuato una verifica. E ha appurato che a boicottare il Recovery e, soprattutto, l’intervento a fondo perduto sono tutti Governi progressisti. Leggiamo cosa scrive scenari economici.it:

FINLANDIA: ultima arrivata fra gli “Austeri” ha come ministro la signora Sanna Marin, Socialdemocratica, lo stesso raggruppamento europeo del PD di Zingaretti a Bruxelles, S&D. Il suo partito governa con Verdi e Popolari. Per curiosità popolare il M5s cercò di entrare sia nei Liberali (RE) sia nei Verdi a livello europeo, ma non lo ha voluto nessuno”.

SVEZIA: il primo ministro Kjell Stefan Löfven è socialdemocratico, governa in minoranza ma in accordo con i partiti centristi. Anche sui è nel S&D a livello europeo”.

DANIMARCA: la signora Mette Frederiksen guida il partito socialdemocratico (S&D) ed il governo di Copenhagen in minoranza, ma con l’appoggio esterno del blocco rosso. La signora è nota per la sua opposizione diretta a Trump”.

PAESI BASSI: il primo ministro Mark Rutte guida il partito liberale (RE) VVD, e governa con i democristiani (PPE, popolari) e con il partito D66, anch’esso RE. Le sue posizioni sono fortemente contrarie ai partiti populisti”.

AUSTRIA: il primo ministro è Sebastian Kurz è il leader del Partito del popolo austriaco (OVP, parte del PPE). Governa in alleanza con i Verdi austriaci”.

Fatta questa precisazione – per noi irrilevante, ma importante per chi crede che il Recovery fund sia boicottato dai ‘populisti’ – bisogna prendere atto che l’Unione europea non è affatto unita e men che meno solidale: è solo un  agglomerato di Paesi che, come sciacalli, cercano di indebolirsi l’uno con l’altro o, al limite – ed è il caso in questione – di trovare punti in comune per approfittare delle difficoltà di altri Paese.

Sbaglia chi pensa che siano solo cinque i Paesi citati a ostacolare il Recovery fond: con molta probabilità, c’è un gioco delle parti che punta a costringere i Paesi in difficoltà ad accettare il MES o, magari, un Recovery fund con le stesse regole del MES.

La cosa più seria da fare, per l’Italia, è quello che ha fatto il Regno Unito: uscire subito dall’euro. Considerate del difficoltà dell’Italia, non prima di avere trovato una ‘sponda’ per non subire il ricatto del debito pubblico e dello spread.

Sapendo che, oggi, è necessario scegliere tra Stati Uniti e Cina. Sotto questo profilo ci convince la proposta lanciata in un’intervista a questo blog dal senatore Saverio De Bonis: lasciare l’area euro subito e inserire l’Italia nell’area del Dollaro, direttamente o indirettamente.

Ma questo significa scegliere anche l’area tecnologica: la scelta del Comune di Palermo, che sta riempendo la città di antenne del 5G cinese, potrebbe essere un problema. Lo ha spiegato bene il giornalista d’inchiesta e scrittore, Francesco Amodeo, secondo il quale la scelta di aprire ai cinesi di HUAWEI per il 5G non è soltanto una scelta di prodotto, ma anche geopolitica. Gli americani, infatti, hanno fatto sapere che chi sceglie la tecnologia cinese rischia di interrompere i rapporti di intelligence con gli Stati Uniti.

La vicenda, ancora dai contorni poco chiari, è molto più profonda di quanto appaia. Non dimentichiamo che i cinesi hanno più volte tentato di entrare in Sicilia: basti ricordare l’aeroporto che avrebbe dovuto vedere la luce nel centro dell’Isola, progetto poi messo da parte in attesa di tempi migliori.

Foto tratta da Il Mattino

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


In Promo a Palermo

Honda HR-V in promo a Palermo


di I Nuovi Vespri

L’Honda HR-V è il SUV compatto della Casa giapponese: spazioso, versatile, sportivo e dinamico, ma soprattutto sofisticato. Dal design esterno […]