A furia di balordaggini e polemiche siamo riusciti a convincere gli abitanti del Nord a non venire in vacanza nel Sud!/ MATTINALE 533

A furia di balordaggini e polemiche siamo riusciti a convincere gli abitanti del Nord a non venire in vacanza nel Sud!/ MATTINALE 533
4 giugno 2020

Il conto di questa campagna di pseudo-prevenzione sanitaria, nel Sud e in Sicilia, lo pagheranno i titolari delle grandi e piccole strutture turistiche, i titolari degli hotel, i titolari dei ristoranti e tutte le attività commerciali legate al turismo. Meno turisti esteri, problemi enormi agli abitanti del Nord che vogliono venire a passare le vacanze al Sud: chi ci salverà da questa dabbenaggine politica? 

Il Sud e la Sicilia stanno lavorando bene per rilanciare l’economia? A nostro modesto avviso, no. Al contrario, con questa polemica sul virus, che nel Mezzogiorno sarebbe assente e nel Nord sarebbe ancora presente, il Sud Italia si stanno solo dando la zappa sui piedi, penalizzando ulteriormente l’industria turistica meridionale. Proviamo a illustrare il perché.

Il timore che gli italiani del Nord – lombardi in primo luogo – venendo in vacanza nel Sud possano portare dalle nostre parti il Coronavirus, oggi, è fuori tempo massimo e, di conseguenza, fuori luogo. Facciamo l’esempio della Sicilia.

Nel Febbraio scorso – per la precisione tra la seconda e la terza decade di Febbraio – quando ancora nessuno immaginava il disastro che il Coronavirus, o COVID-19 avrebbe provocato in Italia, soprattutto nel Nord Italia – il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, ha avuto un’intuizione felice nell’immaginare che i lombardi, in Sicilia, avrebbe potuto creare problemi.

I fatti accaduti a Marzo nel Nord e in Lombardia gli hanno dato ragione.

Oggi, però, il presidente Musumeci, insistendo in questa sua paura esistenziale dei lombardi, sta sbagliando e sta provocando danni all’economia turistica della Sicilia. 

Il presidente Musumeci e i soliti meridionalisti che inneggiano al “Sud che avrebbe dovuto riaprire prima del Nord” dimenticano che, tra Marzo e Aprile, migliaia e migliaia di meridionali che, da decenni, vivevano a Milano, nel resto della Lombardia e nel Nord sono tornati nel Sud e in Sicilia. Sono tornati con gli aerei, con le navi, con i treni e, soprattutto, con le automobili (il ritorno con le automobili significa che hanno perso il lavoro e che non hanno più alcuna intenzione di tornare al Nord).

Tutti ci aspettavamo una grande ondata di infettati al Sud. Qualcosa si è verificata, certo; il lieve aumento di casi nel Sud e in Sicilia, con molta probabilità, è stato provocato dal grande esodo di persone da Nord a Sud. Ma non ci sono stati grandi numeri.

Non sappiamo perché il Sud sia praticamente stato risparmiato dal Coronavirus. Forse ha ragione il nostro amico Domenico Iannantuoni, che è stato tra i primi, se non il primo, a sostenere che in Lombardia il disastro sanitario è stato provocato dall’inquinamento dell’aria e che nel Sud il clima – soprattutto la ventosità – ha spazzato via il virus. Poi sono arrivate altre teorie.

Ciò posto, il dato oggettivo è che l’arrivo nel Sud e in Sicilia, tra Marzo e Aprile, di migliaia e migliaia di milanesi, lombardi e, in generale, meridionali che lavoravano e vivevano nel Nord Italia non ha provocato alcun danno serio. Sarà stato per il clima, sarà stato per il vento, sarà stato perché quest’anno, nel Sud, l’inverno è stato particolarmente mite (a Febbraio, mentre nel Nord si preparava il disastro, in Sicilia e nel Sud la temperatura ‘viaggiava’ tra 20 e 22 gradi c centigradi), fatto sta, lo ribadiamo, che il Coronavirus ha creato problemi tutto sommato risolvibili.

Quello che succederà in Autunno, quando la temperatura dovrebbe cominciare a scendere, non lo possiamo sapere. Ma sappiamo che il Sud e la Sicilia il ‘pieno’ di milanesi e lombardi lo hanno già fatto a Marzo e ad Aprile. Insomma: che ci piaccia o no, il virus che ha prodotto enormi danni nel Nord Italia è già abbondantemente presente dalle nostre parti da due-tre mesi.

Ribadiamo: quello che potrebbe succedere in Autunno non lo possiamo sapere: il virus è sparito, come dicono alcuni virologi? Riprenderà a colpire, come dicono altri? A nostro avviso è inutile azzannarsi il cervello con quattro-cinque mesi di anticipo.

Quello che succederà in Autunno – il nulla o il tutto – succederà comunque, a prescindere dalle restrizioni che si adotteranno nei confronti dei lombardi e, in generale, degli italiani del Nord.

Sappiamo benissimo che, se il virus tornerà a ‘mordere’, basteranno un paio di persone infettate per scatenare l’inferno nel giro di 20-30 giorni. Scoraggiare, oggi, i lombardi e, in generale, gli italiani del Nord Italia dal venire a passare le vacanze nel Sud è solo una balordaggine che sta danneggiando gli operatori del turismo del Sud. 

Da quasi un mese i milanesi e i lombardi tornati nel Sud e in Sicilia tra Marzo e Aprile girano nelle nostre contrade, vanno al mare, nei negozi e via continuando. Ma che senso ha dire oggi ai lombardi e, in generale, agli italiani del Nord:

“Se volete venire a passare le vacanze al Sud vi dovete misurare la temperatura, dovete scaricare la app (l’ultima trovata del Governo siciliano di Musumeci: ma cose più interessanti e più conducenti no?), dovete fare questo, dovete fare quello”.

Il risultato di questa sbagliata campagna di presunta-prevenzione è che tantissimi cittadini italiani del Nord hanno detto tra sé e sé:

“Sapete qual è la novità? La novità è che, quest’anno, noi cittadini del Nord, che abbiamo già le scatole piene da tutto quello che abbiamo visto in inverno, le vacanze le facciamo dalle nostre parti e diamo anche una mano alla nostra economia”.

Il conto, nel Sud, lo pagheranno i titolari degli hotel, delle grandi e piccole strutture turistico-ricettive, i titolari dei ristoranti e tutto il commercio meridionale che, durante la stagione estiva, va avanti e, spesso, sopravvive grazie ai turisti.

Se a questo aggiungiamo una riduzione del turismo estero – riduzione che ci sarà sia perché in presenza di una pandemia la gente viaggia meno, sia perché l’Italia, in materia di Coronavirus, non si è fatta una bella nomea – la ‘frittata’, per il settore turistico del Sud Italia, è fatta!

Anche la polemica sollevata dai nostri amici del Movimento 24 Agosto sul Sud che avrebbe dovuto riaprire prima del Nord è completamente fuori luogo! Ma che ce ne frega a noi del Sud se al Nord riaprono prima o dopo o insieme a noi?

Anzi, dovremmo essere contenti che al Nord abbiano riaperto: perché è anche dal Nord – dalla gente del Nord che viene in vacanza nel Sud – che l’economia meridionale, in estate, prende fiato tra turismo e commercio. 

Invece si continua ad alimentare una polemica sterile, sostenuta da un anti-leghismo uguale e contrario a una certa retorica leghista contro il Sud: una polemica che, alla fine, sta danneggiando tutto e tutti, a cominciare dall’economia turistica del Sud. 

Questa dialettica dell’oscurantismo economico va in scena in un’Italia rimasta ‘impiccata’ all’Europa dell’euro governata da una banda di strozzini: un’Italia che, per mancanza di risorse economiche, durante la pandemia di Coronavirus non ha aiutato né le famiglie, né le imprese.

Abbiamo già raccontato che, in Germania, i titolari di ristoranti con 5 dipendenti, da Marzo ad oggi, hanno ricevuto 12 mila euro a fondo perduto, l’IVA è stata portata dal 19 al 7% e pagheranno tasse e imposte a Dicembre, ma solo se l’economia tedesca si riprenderà.

In Italia, invece, chi è stato fortunato ha ricevuto 600 euro e dovrebbe pagare tasse e imposte a fine Giugno, non  si capisce con quali soldi! E nel Sud e in Sicilia siamo riusciti perfino a convincere tanti cittadini del Nord a non venire in vacanza qui al Sud. Siamo o no dei ‘geni’?

Così se in Autunno dovesse riprendere forza il virus, il Sud pagherà due volte: pagherà il ritorno del virus con una nuova chiusura delle attività economiche e pagherà anche per non essere riuscito a utilizzare al meglio i mesi estivi. Il peggio del peggio del peggio.

Foto tratta da Avvenire

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti