Grillini: Cassa integrazione a rilento. E chi è che Governa l’Italia?

Grillini: Cassa integrazione a rilento. E chi è che Governa l’Italia?
2 aprile 2020

E’ stato il Governo nazionale – del quale il Movimento 5 Stelle fa parte – a complicarsi la vita e a complicare la vita a milioni di italiani che aspettano la Cassa integrazione e i ‘famigerati’ 600 euro. Quando in politica si sbaglia bisogna avere il coraggio di assumersi le proprie responsabilità 

Ci siamo riproposti di evitare di criticare i grillini per non infierire. Ma questa proprio non ce la possiamo tenere. Leggiamo insieme questo comunicato stampa:

“Cassa integrazione, meccanismi di erogazione a rilento e procedure regionali complesse, bisogna cambiare passo o sarà il disastro, i lavoratori non possono aspettare”.

Lo affermano i deputati 5 Stelle della commissione Lavoro dell’Ars, Giovanni Di Caro, Ketty Damante, Nuccio Di Paola e Roberta Schillaci, che hanno chiesto la presenza dell’assessore al Lavoro Antonio Scavone alla seduta straordinaria della V commissione di palazzo dei Normanni, convocata per martedì prossimo per affrontare a tematica degli ammortizzatori sociali previsti per l’emergenza Coronavirus.

“In Sicilia i passaggi che dovranno portare all’erogazione della cassa integrazione in deroga – affermano i deputati – sono troppi e troppo farraginosi. Arrivare ad erogare le somme ai lavoratori in tempi strettissimi di questo passo diventa pura utopia, come confermano anche i commercialisti che rischiano di fare da parafulmini incolpevoli alla rabbia di quei lavoratori che non hanno più la possibilità di mettere qualcosa a tavola per loro e per i propri familiari”.

“Abbiamo chiesto – dicono i parlamentari 5 Stelle – la presenza dell’assessore Scavone per cercare di trovare assieme una soluzione per bruciare le tappe, allentando la morsa burocratica che in questo momento rischia di diventare una trappola mortale. Va anche sciolto il nodo dell’ irragionevole esclusione dall’accordo sindacale sottoscritto per l’applicazione della cassa in deroga delle aziende artigiane non aderenti all’Ente bilaterale di settore. Risultano così esclusi migliaia di artigiani e lavoratori sia dalla cassa in deroga prevista dal decreto Cura Italia, sia dallo specifico fondo di settore, perché non hanno versato il relativo contributo nonostante non ne avessero l’obbligo”.

Ma i grillini non sono al Governo di quello che resta dell’Italia? Che bisogno c’era, in un momento di emergenza, di coinvolgere la Regione siciliana nell’erogazione della Cassa integrazione? Forse all’INPS mancano i dati dei disoccupati presenti in Sicilia?

Sarebbe bastato erogare la Cassa integrazione direttamente ai lavoratori, senza passare dalla Regione.

Così come sarebbe bastato erogare direttamente i 600 euro ai titolari delle partite IVA e a tutti gli altri lavoratori,invece di costringere milioni di persone a intasare la rete per collegarsi con il sito dell’INPS.

E’ il Governo nazionale che ha complicato la vita a se stesso e ai cittadini in questo momento in grandissima difficoltà.

Il resto è demagogia.

Foto Wikipedia 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti