Emergenza Coronavirus, Siciliani Liberi: lo Stato restituisca alla Sicilia lo scippo di 600 milioni di euro all’anno sulla sanità

Emergenza Coronavirus, Siciliani Liberi: lo Stato restituisca alla Sicilia lo scippo di 600 milioni di euro all’anno sulla sanità
20 marzo 2020

In questa nota il portavoce del Circolo “Rosa Donato” Messina di Siciliani Liberi, Gianluca Castriciano, ricorda che, dal 2009, lo Stato toglie alla sanità pubblica siciliana circa 600 milioni di euro all’anno. Oggi, con l’emergenza Coronavirus, ne paghiamo le conseguenze

da Gianluca Castriciano
portavoce del Circolo “Rosa Donato” Messina di Siciliani Liberi

Il movimento Siciliani Liberi, insieme all’intera area indipendentista, già da parecchi anni denuncia, ad ogni latitudine, il furto patito dalla Regione siciliana e dal Popolo Siciliano ad opera del governo italiano, in merito alla questione sanitaria.

Tale crimine, iniziato nel 2006, si concretizzò nel 2009 sotto l’egida del governo Prodi. L’atto scellerato, compiuto ai danni dei Siciliani, consisté nell’incremento della compartecipazione da parte della Regione siciliana alla spesa sanitaria dal 42% al quasi 50%. Di contro, lo Stato Italiano, per compensare l’aumento della spesa sanitaria, avrebbe dovuto stornare alla Regione siciliana 600.000.000 di euro l’anno, derivanti da accise sui carburanti prelevati sempre in Sicilia. Ad oggi sarebbero stati più di sei miliardi di euro investiti nella nostra sanità, dinamica, questa, che ovviamente non si concretizzò mai.

Le conseguenze sono i gravissimi ridimensionamenti negli organici e nelle infrastrutture sanitarie, la chiusura di un numero più che considerevole di presidi ospedalieri e adesso, purtroppo, l’innegabile impossibilità di far fronte, in maniera ottimale, all’emergenza pandemica in corso. Ecco servito il dramma che oltre 5.000.000 di Siciliani rischiano di patire sulla propria pelle!

Ad oggi, nessun presidente della Regione siciliana e nessun politico siciliano, eletto nei partiti italiani, ha alzato la voce pretendendo di avere indietro dallo Stato Italiano quanto ci spetta, anzi la maggior parte dei “nostri” politici hanno appoggiato la scellerata decisione dei tagli alla sanità, sebbene il nostro Statuto ci consenta un’autonomia decisionale anche in campo sanitario (si veda l’art. 17).

Siciliani, pretendiamo il diritto alla salute! Oggi più che mai ne vediamo la necessità: una sanità che ci tuteli tutti i giorni, ma soprattutto in periodi straordinari di emergenza come quello che la comunità sta vivendo.

Siciliani Liberi continuerà a difendere il Popolo Siciliano e a lottare per i suoi diritti. Ripudiamo con fermezza la politica dei partiti italiani e chiediamo con forza a chi oggi rappresenta la Sicilia di intervenire tempestivamente. Domani potrebbe essere già troppo tardi.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti