Palermo: la ZTl notturna? “S’affumò” come “S’affumaru ‘i cazzilli!”

Palermo: la ZTl notturna? “S’affumò” come “S’affumaru ‘i cazzilli!”
9 gennaio 2020

Addio – almeno per ora – alla ZTL notturna tanto cara al sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e all’assessore, Giusto Catania. Il Consiglio comunale ha ‘inchiummato’ (leggere cestinato) il provvedimento. Per la Giunta comunale è una gran malafiura!

“Decido io!”, disse il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, quando il Consiglio comunale cominciò a mugugnare sulla proposta della Zona a Traffico Limitato notturna. Sembrava una cosa fatta. E invece, ieri, è finita come nel celebre film di Fantozzi, quando, barricati in un locale, il ragioniere lancia il suo grido di resistenza:

“Non ci arrenderemo mai!”.

Per poi aggiungere:

“Forse…”.

Eh sì,  quanto pare il “Decido io” del sindaco Orlando si è trasformato in qualcosa di simile al “forse” di fantozziana memoria.

Leggiamo in un articolo de la Repubblica:

“ZTL notturna rinviata a data da destinarsi: dopo 10 ore d’aula il Consiglio comunale ha cestinato l’ordinanza dell’assessore alla Mobilità Giusto Catania, che prevedeva l’avvio della misura domani alle 22,30, e ha dato mandato al sindaco di emettere un nuovo provvedimento: una ZTL notturna stagionale – venerdì e sabato – dalla prima settimana di maggio alla prima di novembre dalle 20 alle 6 del mattino e nel resto dell’anno a partire dalle 23. È stata questa alla fine la mediazione contenuta nell’emendamento della maggioranza all’atto di indirizzo sulla mobilità in Centro storico”.

“La maggioranza dunque – prosegue l’articolo – si ricompatta ma a caro prezzo. In aula per tutta la notte il sindaco e la giunta che esce indebolita da una misura impopolare annunciata e rinviata di continuo. Le opposizioni hanno dato battaglia – 300 emendamenti e decine di pregiudiziali – e alle fine non si è arrivati a una votazione ma si è dato mandato a Orlando di emettere una nuova ordinanza”.

Insomma, la ZTL notturna data per operativa da domani sera ha fatto la fine dei ‘cazzilli’ gestiti male da ‘panellari’ distratti.

Per i non palermitani: i ‘cazzilli’ sono le crocchette di patate, i ‘panellari’ sono i venditori di panelle da strada.

Quando il ‘panellaro’ frigge i ‘cazzilli’ e si distrae, gli stessi ‘cazzilli’ – cioè le crocchette di patate – si rovinano: per la cottura eccessiva diventano nere. Da qui il detto:

S’affumaru ‘i cazzilli!“.

E così è finita la ZTL notturna tanto cara al sindaco Orlando e all’assessore comunale Giusto Catania: “S’affumo” come “S’affumaru ‘i cazzilli…“.

Foto Iostudio 

QUI L’ARTICOLO DE LA REPUBBLICA

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti