In Calabria rapporti tra massoni e ‘ndrangheta. E nel resto d’Italia?

In Calabria rapporti tra massoni e ‘ndrangheta. E nel resto d’Italia?
28 dicembre 2019

Nell’inchiesta condotta dal procuratore capo della Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Catanzaro, Nicola Gratteri, emerge un quadro che definire inquietante è poco. Anche se non si può generalizzare chiamando in causa la massoneria, è un fatto che ci sono legami tra massoni e ‘ndrangheta. E’ così solo in Calabria? 

Iscritti alla massoneria e ‘ndrangheta vanno a braccetto? Sembrerebbe proprio di sì. Certo, non bisogna generalizzare, come avverte lo stesso procuratore capo della Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Catanzaro, Nicola Gratteri, che si è caricato sulle spalle un’inchiesta ‘pesantissima’. Ma il legame tra alcuni ‘fratelli’ e la ‘ndrangheta c’è.

Leggiamo in un articolo pubblicato da Calabria 7:

“Alcuni indagati nell’operazione ‘Rinascita Scott’ condotta dalla Dda di Catanzaro ed eseguita dai carabinieri contro la cosca di ‘ndrangheta dei Mancuso avevano ‘rapporti con logge massoniche della Scozia e dell’Inghilterra’. Lo ha rivelato il procuratore capo della Dda di Catanzaro, Nicola Gratteri, nella conferenza stampa sull’esito del blitz che ha portato all’esecuzione di 334 misure cautelari”.

“Sono stati arrestati – ha poi detto Gratteri – molti massoni infedeli anche allo loro organizzazione massonica”.

“Il procuratore capo dell’Antimafia di Catanzaro ha comunque tenuto a specificare:

‘Dobbiamo stare attenti a non parlare genericamente di massoneria, essere massone non è un reato. Dobbiamo però stare attenti quando un soggetto che è massone, che fa parte di una loggia, commette reati e si avvale del fatto di essere massone come punto di forza che va oltre la millanteria, per avere vantaggi per sé e per altri. Quindi, essere al servizio, facilitare l’organizzazione mafiosa con il fatto di essere massone. Questo – ha concluso Gratteri – lo sappiamo dalle intercettazioni telefoniche e ambientali e da tutto l’armamentario, grembiuli e compassi, che abbiamo trovato stanotte nelle perquisizioni”.

Interessante anche questo passaggio dell’articolo:

“Dalla moltitudine di pagine che compongono il provvedimento emergono nomi e legami inquietanti. Magistrati, politici, ‘ndranghetisti, professionisti, rappresentanti delle forze dell’ordine, tutti legati dal rito massone. Quello ricostruito dagli investigatori è un ‘coacervo di relazioni tra i ‘grandi’ della ‘ndrangheta calabrese e i ‘grandi’ della massoneria, tutti ben inseriti nei contesti strategici (giudiziario, forze armate, bancario, ospedaliero e via dicendo)”.

Un pactum sceleris in forza del quale un uomo politico importante si è legato stabilmente al contesto di ‘ndrangheta massona’, stabilmente a disposizione dei boss alla ‘mammasantissima’ e al ‘Crimine’ dei Mancuso”.

In Sicilia sono noti già negli anni ’70 e ’80 del secolo passato i legami tra la mafia e soggetti iscritti alla massoneria. Ma parliamo, appunto, del passato.

E nel presente qual è la situazione nel resto d’Italia, dal momento che la ‘ndrangheta non è presente solo in Calabria?

QUI PER ESTESO L’ARTICOLO DI CALABRIA 7

Foto tratta da Antimafiaduemila

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti