Il ‘regalo’ del Governo Conte bis ai turisti: tassa di soggiorno raddoppiata

Il ‘regalo’ del Governo Conte bis ai turisti: tassa di soggiorno raddoppiata
2 dicembre 2019

Il Governo Conte bis – che si era impegnato (a parole, a quanto pare) a non aumentare la pressione fiscale – non solo farà pagare agli italiani 7 miliardi circa di tasse e imposte in più, ma raddoppierà anche la tassa di soggiorno a carico dei turisti e dei viaggiatori che metteranno piede in Italia. Cosa succederà in Sicilia  

Il Governo Conte bis – quello che non doveva aumentare le tasse – non solo farà pagare agli italiani 7 miliardi di euro di imposte e tasse in più, ma farà pagare anche ai turisti una tassa di soggiorno più ‘salata’. Infatti, per i visitatori – turisti e viaggiatori – che arriveranno in Italia nel 2020 li aspetta una bella sorpresa: un aumento della tassa di soggiorno che potrà arrivare fino a 10 euro al giorno!

Certo, ci saranno i Comuni turistici del Belpaese virtuosi che, magari, non arriveranno a 10 euro al giorno. Ma i Comuni con i conti in ‘rosso’ – che sono ormai la stragrande maggioranza – daranno una bella ‘strigliata’ ai turisti.

I particolari di questa nuova stangata a carico dei turisti li leggiamo in un approfondimento del quotidiano economico e finanziario INVESTIREOGGI:

“Lo prevede una modifica approvata al decreto fiscale collegato alla manovra di bilancio che consente di raddoppiare il prelievo. Una vera e propria stangata inattesa per chi andrà in vacanza o visiterà città d’arte. La misura è volta a incrementare le entrate dei Comuni a maggiore affluenza turistica e, in particolare, quelli per i quali le presenze superano di 20 volte i residenti. Il provvedimento sarà quindi adottato da apposita delibera comunale in base alle esigenze di bilancio, pertanto non è detto che venga applicata e (eventualmente) in misura piena”.

Non è detto che venga applicata nei Comuni con i conti a posto. Nei Comuni con i bilanci traballanti non solo verrà applicata, ma i soldi chissà dove andranno a finire. La tassa di soggiorno dovrebbe servire per migliorare l’offerta turistica. Ma non sempre è così.

Proprio ieri, a proposito di Palermo, Mario Attinasi, di Assoimpresa, ha denunciato un uso improprio degli introiti derivanti da questa tassa:

“Siamo scontenti anche di come, per l’ennesima volta, l’amministrazione comunale abbia deciso di usare i provenienti della tassa di soggiorno per finalità che niente hanno a che fare con la promozione turistica del territorio e senza alcun confronto con gli operatori del settore: in questo modo, la tassa di soggiorno è solo un inutile balzello”.

Più che “inutile”, in verità, è un balzello che i Comuni, spesso, utilizzano per pagare altro. La storia è sempre la stessa: l’Unione europea impone le politiche del rigore economico agli Stati; gli Stati li scaricano sulle Regioni, sulle Province e sui Comuni. E a pagare, alla fine, sono i cittadini con più tasse, più imposte e meno servizi.

Pagano anche i turisti e i viaggiatori che arrivano in Italia i quali, a partire dal prossimo anno, pagheranno ancora di più.

“I Comuni italiani, quasi tutti – leggiamo sempre su INVESTIREOGGI – hanno incassato nel 2018 ben 600 milioni di euro dalla tassa di soggiorno e si prevede un incremento sostanziale anche per il 2019. I Comuni che ne hanno approfittato maggiormente sono stati quelli delle città d’arte con Roma in testa che applica la tariffa giornaliera più cara, fino a 5 euro, e che nel 2018 ha incassato ben 130 milioni di euro dai turisti. Ma, sebbene le grandi città difficilmente supereranno di 20 volte la popolazione residente con l’afflusso dei viaggiatori, per i piccoli Comuni a vocazione turistica, come Cortina o Riccione, sarà più facile alzare la tassa di soggiorno visto l’elevato numero di vacanzieri durante l’anno”.

Anche in Sicilia, c’è da giurarci, i Comuni turistici (che sono tantissimi) si getteranno a pesce per acchiappare questi fondi. Figuriamoci se a Palermo e a Catania – tanto per citare due esempi – si lasceranno scappare questa occasione. Ma anche Taormina, Sciacca, Cefalù e via continuando…

Resta da capire fino a che punto i turisti non si scocceranno e cominceranno a frequentare l’Italia un po’ meno.

Nell’inchiesta di INVESTIREOGGI vengono indicate le categorie esentate dalla tassa di soggiorno e in quali altre città del mondo si paga questa tassa.

QUI L’INCHIESTA DI INVESTIREOGGI SULLA TASSA DI SOGGIORNO 

Foto tratta da Money.it

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti