Formazione professionale siciliana: qualche speranza in più per i lavoratori licenziati

Formazione professionale siciliana: qualche speranza in più per i lavoratori licenziati
2 dicembre 2019

Lo leggiamo in un comunicato del parlamentare europeo del Movimento 5 Stelle, Ignazio Corrao. Il quale comunica che il Parlamento europeo ha discusso la petizione presentata da mille e 385 cittadini: petizione – precisa Corrao – che non è stata archiviata 

Si accende una nuova speranza per i lavoratori della Formazione professionale della Sicilia. Lo desumiamo dalla lettura di un comunicato stampa dell’eurodeputato del Movimento 5 Stelle, Ignazio Corrao.

In realtà, alcuni passaggi di questo comunicato forse non sono molto precisi, ma c’è l’impegno verso i lavoratori in difficoltà: e questo è importante.

“In Sicilia ben 6.000 lavoratori del settore della formazione professionale sono da mesi senza stipendio ed è tutta colpa della Regione che non ha rispettato il programma di formazione professionale cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo”, dice Corrao a margine della Commissione Peti riunita oggi in Parlamento Europeo a Bruxelles in presenza tra l’altro della Commissione Europea e dell’avvocato Fasano, in rappresentanza dei 1400 formatori siciliani.

Forse se dagli 8 mila lavoratori della Formazione professionale siciliana togliamo i lavoratori degli ormai ex Sportelli multifunzionali arriviamo a poco più di 6 mila lavoratori. Ma questi lavoratori sono senza stipendi non da mesi, ma da alcuni anni!

“Il Movimento 5 Stelle – dice sempre Corrao – sostiene la petizione discussa oggi al Parlamento europeo e presentata da ben 1.385 cittadini e per questo ringraziamo per l’impegno l’europarlamentare Eleonora Evi. Siamo riusciti a non fare archiviare la petizione dalle autorità europee. È evidente la violazione dei loro diritti, i licenziamenti collettivi sono stati operati senza rispettare le garanzie occupazionali che prevedevano l’attivazione della mobilità. La conseguenza è che ci sono oggi migliaia di famiglie vittime di un sistema malato e abbandonate al loro destino”.

“Tutti – aggiunge l’europarlamentare grillino – si comportano come Ponzio Pilato e fanno lo scaricabarile, la verità è che nessuno paga sulla malagestione delle risorse pubbliche. Chiediamo che le Istituzioni europee forniscano risposte chiare ai cittadini che sono vittime di un cattivo uso di denari pubblici. I fondi europei sono nati per promuovere l’occupazione, l’inclusione sociale, la lotta alla povertà e ridurre le disparità economiche, sociali e territoriali tra le Regioni europee. E invece per troppi cittadini si sono trasformati in una vera e propria beffa”.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti