A Malta l’economia cresce del 6,6%. Ma il 50% dell’energia gli arriva dalla Sicilia!

A Malta l’economia cresce del 6,6%. Ma il 50% dell’energia gli arriva dalla Sicilia!
29 novembre 2019

E se in Sicilia – in particolare a Marina di Ragusa – ci sono problemi, mezza isola si blocca! Commenta Mario Pagliaro: “È questo il controllo energetico delle #nazioni”. Ma Malta, tra sole e vento, non è un grado di produrre energia da sé? 

Ma l’isola di Malta – poco meno di 400 mila abitanti, lo Stato più piccolo dell’Unione europea – non ha sole e vento per produrre energia? ce lo chiediamo leggendo su Ragusa News.com quello che è successo qualche giorno fa:

“Malta al buio per colpa di Ragusa… alle 14:40. Il problema origina dalla stazione elettrica di Ragusa, gestita da Terna: «Per cause in corso di verifica, nella stazione elettrica di Ragusa si è aperto l’interruttore del collegamento con Malta. I tecnici di Terna, prontamente intervenuti, hanno ripristinato il normale funzionamento del servizio elettrico». Il disagio è durato un paio di ore. I tecnici stanno lavorando per capire cosa ha causato l’evento. Il cavo elettrico che collega Italia e Malta, entrato in esercizio nel marzo 2015, è lungo 120 chilometri (completamente sottomarino e interrato per la parte terrestre) e, dal lato italiano, approda a Marina di Ragusa”.

“Il black out – prosegue l’articolo – ha causato momenti di caos nelle strade dove hanno smesso di funzionare i semafori. Tribunali e ospedali hanno dovuto fare affidamento ai gruppi elettrogeni. Nelle fabbriche la produzione si è fermata. Alle cinque del pomeriggio il problema era stato risolto e tutto era tornato alla normalità. Non è la prima volta che Malta è alle prese con un maxi black out: l’ultimo episodio simile risaliva all’aprile dell’anno scorso”.

La cosa che deve fare riflettere è che a Malta l’economia è in crescita: forse è il Paese della UE dove l’economia cresce di più. Parlano i ‘numeri’ diffusi nei mesi scorsi dalla dalla televisione di Stato TVM: il Prodotto Interno Lordo (PIL) maltese, infatti, ha toccato i 12 miliardi e 320 milioni di euro, con un aumento di oltre un miliardo milioni di euro.

In termini reali, l’economia maltese è cresciuta del 6,6%.

A malta sono in crescita i servizi, è in crescita l’industria, è in crescita l’attività edilizia (in questo caso, forse sacrificando l’ambiente) e crescono anche agricoltura e pesca.

Certo, l’isola è piccola: ma la crescita economica c’è. Ed è veramente singolare che la crescita dipenda, in parte dall’energia che Malta importa dalla Sicilia!

“Nel 2015 la #Sicilia ha riannesso a sé #Malta – commenta Mario Pagliaro -. Con oltre un miliardo di kWh forniti ogni anno (quest’anno però in forte calo: solo 600 milioni in 10 mesi), il cavo sottomarino di 120 km fornisce all’isola – romana per quasi 2 millenni – quasi metà dell’energia elettrica. Basta #staccare l’interruttore e restano al buio. È questo, in 6 #righe, il controllo energetico delle #nazioni”.

QUI L’ARTICOLO DI RAGUSA NEWS

Foto tratta da Gaming Report

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti