La sinistra dopo il Sessantotto? Ha cancellato Marx e ha abbracciato il capitalismo post-borghese

La sinistra dopo il Sessantotto? Ha cancellato Marx e ha abbracciato il capitalismo post-borghese
23 novembre 2019

Il filosofo e commentatore marxista, Diego Fusaro, ci regala una citazione profetica di colui il quale è stato il suo maestro: il filosofo, saggista di ispirazione marxiana e neohegeliana, Costanzo Preve. Che della ‘sinistra’ post Sessantotto aveva capito tutto in anticipo

«Dopo il Sessantotto la “sinistra” è diventata l’ala culturale ed artistica marciante di un nuovo capitalismo post-borghese, che ha cancellato la stessa matrice originaria dello stesso comunismo di Marx, e cioè la coscienza infelice (Hegel) della borghesia europea. Dal momento che qualsiasi programma di de-globalizzazione (Lordon, Sapir) implica il rafforzamento del “pubblico”, e cioè della sovranità economico-politica dello Stato nazionale, la sinistra sicuramente vi si opporrà, dando luogo ad un curioso e funesto gioco delle parti, e cioè la globalizzazione “liberista” a destra e la globalizzazione “anarchica” a sinistra, che marceranno separate, e colpiranno unite qualsiasi programma di liberazione nazionale e sociale, infallibilmente connotato come “populista”, ispirato dalla destra eterna».
(Costanzo Preve)

Foto tratta da Il Popolo Veneto

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti