… e dagli Stati Uniti d’America arriva il robot al posto del pizzaiuolo!

… e dagli Stati Uniti d’America arriva il robot al posto del pizzaiuolo!
15 novembre 2019

Si chiama “pizza as a service”. E’ una start up americana che ha avviato la commercializzazione di un servizio robotico per i ristoratori capace di sfornare fino a 300 pizze all’ora. E’ giunta l’ora di sostituire i pizzaiuoli con i robot? E ora chi glielo dice ai pizzaiuoli napoletani e, in generale, italiani?

di Nota Diplomatica

L’Italia, al di là della politica elettorale, è un Paese conservatore. Sa come vorrebbe vivere, è orgogliosa dei propri “usi e costumi” e non condivide l’entusiasmo di certi stranieri – forse soprattutto americani – per il cambiamento, il “change”, che a volte pare essere fine a se stesso. Più che altrove, l’Italia sa che il cambiamento può anche essere in peggio: ma il mondo non la lascia stare…

Così si arriva a “pizza as a service”, una nuova maniera per spremere margini – cioè, soldi – dal processo di mettere della mozzarella e del pomodoro su un disco di pasta di pane e infornare il tutto per preparare una pietanza popolare nel Paese e nel mondo: ma profondamente italiana, anche quando i “pizzettari” non sono italiani.

Picnic, una start up americana, ha iniziato la commercializzazione di un servizio robotico per i ristoratori capace di sfornare fino a 300 pizze all’ora. A differenza dei grandi sistemi usati industrialmente per la produzione di pizze surgelate, il “robot” che le fa, e che somiglia di più a una
grossa fotocopiatrice che ad un automa umanoide, è abbastanza piccolo da stare nella cucina di una pizzeria, usa ingredienti freschi e permette ricette “customizzate” a secondo dei gusti del cliente.

Nell’insieme il procedimento si chiama “pizza as a service” perché la Picnic non vende la pizza e non vende neanche i macchinari che le fanno. Vende piuttosto la “fabbricazione materiale” con una sorta di lavoro automatico a cottimo, un “tot” al pezzo e ad un prezzo prestabilito, inferiore al costo di produzione artigianale.

Almeno in teoria, al proprietario del ristorante resta essenzialmente da mettere in sala i camerieri per raccogliere le “comande” dei clienti e gestire la raccolta degli incassi. Un rappresentante della Società, dando per scontata l’eventuale automatizzazione della ristorazione, spiega l’offerta:

“I ristoratori non vogliono fare grossi investimenti su tecnologie che saranno obsolete tra un paio d’anni…”.

Così è la Picnic ad occuparsi della macchina e degli aggiornamenti hardware e software, precisamente come nei contratti di noleggio delle fotocopiatrici d’ufficio che “contano le copie” per calcolare la tariffa finale in base a una specie di abbonamento.

La proposta sottolinea come il senso ultimo della “rivoluzione digitale” non è che le cose si svolgano tramite computer, ma piuttosto la comprensione che, come ogni informazione possa essere smontata, riassemblata e trasmessa sotto forma di bits and bytes, così i processi del lavoro possano essere fatti a pezzi e rimessi insieme, e forse altri processi umani ancora.

La produzione industriale della pizza non è certo una novità. I congelatori dei supermercati sono zeppi di pizze prodotte da macchine – ma non sono pizze “per davvero”, sono succedanee, come lo è l’orzo tostato quando non si può avere un vero caffè. Somigliano abbastanza… Forse tutto ruota attorno alla domanda:

“Ma com’è questa pizza automatica?”.

La previsione che sarà meglio della pizza cattiva e peggio di quella
buona è probabilmente valida. Come in tante altre cose, la rivoluzione tecnologica che abbiamo scatenato pare in fin dei conti destinata a far trionfare l’accettabile mediocrità. Non è solo l’Italia che non riuscirà a conservare il suo orgoglio davanti al nuovo.

Foto tratta da InItalia – Virgilio

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti