Taglio dei vitalizi all’Ars? Sì, del 9%. Una farsa!

Taglio dei vitalizi all’Ars? Sì, del 9%. Una farsa!
6 novembre 2019

Vero è che questo taglio-farsa dei vitalizi è stato approvato dalla commissione ‘speciale’ dell’Ars e che l’ultima parola, su questa vicenda, la pronuncerà il Parlamento siciliano. Però il segnale arrivato è bruttissimo. Il ‘caso’ dei doppi vitalizi di chi, in Sicilia, ha ricoperto il ruolo di parlamentare regionale e parlamentare nazionale

Che bravi ‘sti parlamentari dell’Assemblea regionale siciliana! Pensate un po’: la commissione legislativa ‘speciale’ – quella istituita in seno al Parlamento dell’Isola per effettuate il ‘famigerato’ taglio dei vitalizi degli ex parlamentari. Sapete cosa hanno deciso, a maggioranza, i deputati che fanno parte di questa commissione? Un taglio del 9% dei vitalizi! Siamo alla farsa.

Vero è che l’ultima parola la pronuncerà il Parlamento siciliano. Ma già la partenza di questo provvedimento è penosa.

Sappiamo benissimo che ci sono pressioni incredibili per evitare di ridurre i vitalizi agli ex parlamentari di Sala d’Ercole: e sappiamo benissimo da dove arrivano queste pressioni.

Sia chiaro: noi non siamo innamorati di questa legge: ma è una legge nazionale che il Parlamento siciliano non può recepire a proprio uso e consumo: infatti, se l’Aula confermerà il voto di questa bizzarra commissione ‘speciale’ la Sicilia risulterebbe l’unica Regione italiana ad aver sostanzialmente aggirato una legge nazionale!

E’ inutile che ci prendiamo in giro: un taglio del 9% delle indennità degli ex parlamentari è ridicolo!

Per non parlare del fatto che un taglio così irrisorio dei vitalizi non salverebbe la Sicilia dalle pesanti penalizzazioni economiche previste dalla legge nazionale.

In pratica – perché questa è la realtà – per salvare le indennità degli ex parlamentari e le indennità degli attuali parlamentari regionali in uscita si dovrebbero sacrificare gli interessi di 5 milioni di siciliani! Perché le penalizzazioni previste per le Regioni che non si adeguano non andranno a colpire i parlamentari dell’Ars che non vogliono tagliare seriamente i vitalizi, ma penalizzeranno 5 milioni di siciliani!

Dopo di che – a costo di farci odiare dalla ‘casta’ dobbiamo sottolineare un elemento tutt’altro che secondario.

Quello siciliano è un Parlamento dal 1947: un Parlamento che è sempre stato adeguato al Senato.

Le Regioni italiane a Statuto ordinario hanno innalzato le retribuzioni in tempi tutto sommato recenti.

Cosa vogliamo dire? Che in Sicilia, ancora oggi, ci sono ex parlamentari che hanno iniziato a frequentare Sala d’Ercole negli anni ’70 del secolo passato, negli anni ’80 e via continuando.

Alcuni di questi godono di indennità non certo ‘leggere’.

Di più: ci sono ex parlamentari siciliani che godono di una doppia indennità: quella di ex parlamentare dell’Ars e di ex parlamentare nazionale.

E’ inutile nascondere queste cose, perché tanto sono note: e se non sono note è bene renderle tali.

A nostro avviso, la proposta più seria è di prevedere un tetto per tutti gli ex parlamentari dell’Ars: un tetto che, a nostro avviso, non dovrebbe superare i 3-4 mila euro al mese. Tetto che andrebbe calcolato cumulando – nei caso di doppio vitalizio – il vitalizio di ex parlamentare regionale siciliano e il vitalizio di ex parlamentare nazionale.

Ogni altra soluzione – specie la furbata del taglio del 9% – esporrà i parlamentari dell’Ars che eventualmente approveranno questa sconcezza alle giuste proteste dei cittadini siciliani.

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti