Quella tassa sulla plastica che non piace alle industrie del Nord Italia

Quella tassa sulla plastica che non piace alle industrie del Nord Italia
4 novembre 2019

Doveva essere la medaglia delle medaglie ecologiste per il Governo Conte bis. Del resto, chi è che avrebbe contestato la tassa sulla plastica? Invece si scopre che quasi il 65% delle aziende che producono e lavorano la plastica sono localizzate in Emilia Romagna, dove si voterà per le elezioni regionali tra qualche settimana… E mentre nel PD non sanno che fare Renzi si dichiara contro…   

Il Governo delle tasse è andato in tilt sulla plastica. Giuseppe Conte e compagni non avevano calcolato che quasi il 65% della plastica italiana si produce in Emilia Romagna. E’ una Regione fino ad oggi governata dal PD (in realtà, è governata dalla sinistra da quando esistono le Regioni). Dove tra qualche settimana si voterà. Andare a piazzare una tassa che per il 65% colpirà l’Emilia Romagna è un autogol. Rimangiarsi subito la tassa? Non si capisce.

Vero è che una parte di questa tassa la pagheranno i cittadini con il rincaro dei prodotti in plastica. Una parte, appunto. Perché un’altra parte la pagheranno comunque le imprese. Non è stata una bella trovata quella di colpire i prodotti monouso in plastica: bottiglie di plastica, tappi delle bottiglie al tetrapack, etichette, buste dell’insalata e via continuando: tutte tassate 1 euro al chilo.

La proposta del Governo Conte – e in particolare del Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri – ha scontentato tutti.

Si lamentano le imprese che lavorano la plastica.

Si lamentano i consumatori (secondo Federconsumatori, la nuova imposta costerà fino a 138 euro all’anno per ogni nucleo familiare, secondo il Codacons fino a 165 euro all’anno).

Si lamentano gli amministratori regionali dell’Emilia Romagna che considerano questa tassa un incredibile regalo alla Lega.

Si lamentano i ‘capi’ di Italia Viva, con in testa Matteo Renzi e Maria Elena Boschi: e questo è l’aspetto che sta facendo impazzire di rabbia i dirigenti del PD e del Movimento 5 Stelle. 

Gli esponenti del Partito Democratico e i grillini, che pensavano di aver fatto una cosa ‘ecologica’ per prendere applausi da tutti non hanno calcolato bene gli effetti politici. Il PD emiliano è in subbuglio, mentre la renziana Maria Elena Boschi ha spiegato che questa tassa, oltre a far indispettire i consumatori, costringerà alcune aziende dell’Emilia Romagna a chiudere gli stabilimenti per delocalizzarli fuori dall’Italia, con perdita di posti di lavoro.

Eh già, perché un conto è sciacquarsi la bocca con il no alla plastica, altra e ben diversa cosa è tassare la plastica e fare chiudere e delocalizzare la aziende che operano in Emilia Romagna. Il tutto a qualche settimana dalle elezioni regionali in questa Regione. Un autogol, quello del PD.

Ritirare la tassa sulla plastica? L’ipotesi è in cantiere. Ma sarebbe uno sputtanamento, perché tutti direbbero:

“Hanno levato la tassa sulla plastica per convenienza elettorale”.

Non solo. Siccome a fare la battaglia contro questa tassa sulla plastica, sin dal primo momento, sono stati Renzi e i suoi, i meriti (e i voti) se li prenderebbero questi ultimi!

Non parliamo dei grillini, che già voti ne hanno pochi e che potrebbero essere gli unici a difendere la tassa sulla plastica.

Guardiamola dal punto di vista del Centro Nord Italia: ma una tassa da fare pagare al Sud non si poteva trovare invece di andare a colpire, per il 65%, l’Emilia Romagna?

Ah, dimenticavamo: al Sud l’Italia hanno già scippato tutto, non c’è altro da scippare…

Foto tratta da TeleAmbiente

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti