… e l’urlo squarciò il silenzio di Ciaculli!

… e l’urlo squarciò il silenzio di Ciaculli!
1 novembre 2019

In questa pagina del proprio diario autobiografico, Pippo Giordano, che negli ‘Anni di piombo’ faceva il poliziotto a Palermo (è stato uno stretto collaboratore di Giovanni Falcone), racconta quando lui e due suoi colleghi stavano per arrestare Michele Greco, Giuseppe Greco detto Scarpuzzedda e Mariolino Prestifilippo. Ma…

di Pippo Giordano

Dopo l’arresto di un mafioso avvenuto nel santuario di Cosa nostra ad opera di Lillo Zucchetto e Ninni Cassarà, lo stesso uccellino che facilitò la cattura mi mise in condizione di poter catturare il “Papa” Michele Greco. Mi fornì dettagliate informazioni e coordinate. Così il 13 novembre 82, era sabato, dissi a Lillo e all’altro componente della mia pattuglia:

“Vediamoci lunedì presto che iniziamo il servizio”.

Purtroppo il giorno dopo Lillo fu assassinato a causa di quell’arresto.

Lasciammo passare del tempo, e nel frattempo l’uccellino mi aggiornava, sino a quando non decidemmo di fare l’osservazione di quei luoghi ritenuti regno incontrastato di Cosa nostra e, segnatamente, dei Greco e Prestifilippo.

Per parecchi giorni girammo a vuoto, ma ecco che una tarda mattinata le due auto segnalate sbucarono in lontananza dalla stradina segnalata all’interno dell’agrumeto, avvicinandosi verso il luogo dove eravamo appostati. L’agrumeto era recintato e un alto cancello in ferro ci divideva da loro.

Noi tre eravamo pronti ad intervenire con armi in pugno: l’adrenalina era al massimo. Sapevamo cosa ci sarebbe aspettato: o la resa degli occupanti – ovvero Michele Greco e altri – o un violento conflitto a fuoco. Man mano che le due auto si avvicinavano a noi, la tensione saliva e avevamo deciso di intervenire appena il cancello veniva aperto.

Dalle auto appena giunte a pochi metri dal cancello scende un uomo (a me sconosciuto); in mano aveva le chiavi per aprire il cancello. Questi, appena si accorge del muso della nostra auto civetta toglie le mani dal lucchetto e urla:

”LA POLIZIAAAAAA!”.

Noi ci fiondiamo davanti al cancello e ci accorgiamo che l’uomo sale di corsa sull’auto e, a retro marcia, le due auto fuggono. Riconosciamo tra i cinque occupanti Michele Greco, Scarpuzzedda e Mariolino Prestifilippo. Potevamo sparare per fermare la fuga e la storia della lotta alla mafia sarebbe stata scritta diversamente. Ma noi non eravamo killer: eravamo poliziotti. E oggi, siccome i due colleghi della pattuglia sono in questo diario e mi leggono, li voglio pubblicamente ringraziare per il sangue freddo dimostrato.

Immaginate cosa sarebbe successo se uno di noi avesse aperto il fuoco. Di sicuro col volume di fuoco a nostra disposizione avremmo fatto una carneficina. Ero e sono orgoglioso dei miei compagni di lavoro, che saluto con un affettuoso abbraccio.

Foto tratta da it.wikipedia.org

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti