Nasce a Palermo una nuova organizzazione degli Industriali targata Confcommercio. E Confindustria?

Nasce a Palermo una nuova organizzazione degli Industriali targata Confcommercio. E Confindustria?
5 ottobre 2019

Nasce a Palermo una nuova organizzazione degli industriali. Si chiama Unione degli industriali – U.I.C.P. E fa capo alla Confcommercio, organizzazione imprenditoriale in grande ascesa. Se non abbiamo capito male, è un’iniziativa in alternativa al vecchio e ormai stantio mondo degli industriali vecchia maniera

“Nata dalla volontà di un nutrito gruppo di industriali, che hanno sentito l’esigenza di affidarsi a Confcommercio Palermo per essere rappresentati a livello sindacale e per usufruire dei numerosi servizi resi dall’Organizzazione ai propri associati, si è costituita l’Unione degli industriali – U.I.C.P.”.

Così leggiamo in un comunicato. Che prosegue:

“L’Unione, nuovo punto di riferimento per le imprese appartenenti al mondo degli industriali e dei servizi e professioni ad esso correlate, risulta così composto:

Presidente: Antonino Lo Coco; Vice Presidente Vicario: Martina Biundo; Vice Presidenti: Antonino Cinquemani e Biagio Semilia; Consiglieri: Giuseppe Biundo, Vito Biundo, Francesco Caminita, Clemente Maniaci, Claudia Pellitteri”.

“Ringrazio Confcommercio Palermo – dice il presidente Antonio Lo Coco – che rappresenta quella casa comune, capace di aggregare importanti segmenti produttivi della città e di dare concrete risposte alle nostre esigenze, sia in termini associativi che di assistenza”.

“L’Unione – continua Lo Coco – raggruppa aziende piccole e grandi impegnate in vari settori produttivi che hanno voglia di mettersi insieme per scambiare le proprie esperienze e ottimizzare le risorse. Noi vogliamo essere inclusivi, siamo aperti nei confronti di tutte le aziende che vorranno sposare la nostra idea, ritenendola valida e producente”.

“L’unione fa la forza – conclude Lo Coco – qualunque sia la dimensione delle aziende che vi partecipano, l’esigenza di questa nuova associazione infatti è partita ‘dal basso’, dalle istanze di piccole realtà industriali che credono nell’esperienza associativa e che hanno voglia di remare nella stessa direzione per far fronte a una crisi economica durissima”.

Non per farci i fatti degli altri (che poi è inevitabile quando si scrive in un mezzo d’informazione), ma abbiamo la sensazione che gli industriali iscritti a questa organizzazione non saranno iscritti a Confindustria. O ci sbagliamo?

Foto tratta da Archeologia Industriale

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti