Sportelli Multifunzionali, torna la protesta a Palermo. Lettera alla Ministra grillina Nunzia Catalfo

Sportelli Multifunzionali, torna la protesta a Palermo. Lettera alla Ministra grillina Nunzia Catalfo
9 settembre 2019

Da oggi un gruppo di lavoratori – licenziati sei anni fa – degli ex Sportelli Multifunzionali torna a protestare a Palermo, davanti la sede dell’assessorato regionale al Lavoro. In prima fila c’è sempre Adriana Vitale. Che ha scritto anche una lettera alla Ministra grillina del Lavoro, Nunzia Catalfo

Da oggi i lavoratori – licenziati – degli ex Sportelli Multifunzionali riprendono la protesta a Palermo. Non tutti, ma solo una parte di questi lavoratori. Tra questo c’è Adriana Vitale, ex dipendente degli Sportelli, instancabile organizzatrice di manifestazioni che hanno avuto e hanno lo scopo di riconquistare il lavoro.

Da oggi una delegazione di questi lavoratori licenziati è di nuovo davanti la sede dell’assessorato al Lavoro di Palermo, via Trinacria, per iniziare lo sciopero della fame.

Ieri sera, sulla propria pagina Facebook, Adriana Vitale ha scritto:

“Il lavoro è un bene primario che ha il dolce sapore della dignità e della libertà.
Ci siamo, anzi ci risiamo. Caricata la mia macchina vecchia di tutto l’occorrente necessario per alleviare il più possibile i disagi. Sono pronta a lasciare la mia casa, la mia famiglia e le mie comodità per rincorrere una giustizia, la giustizia di riprendermi ciò che ingiustamente mi è stato tolto. Chiedo e prego Dio che mi dia la forza di sopportare la fatica del digiuno e della strada come è già avvenuto innumerevoli volte. Chiedo al mio uomo e ai miei figli di supportarmi come, encomiabilmente, hanno fatto in questi ultimi anni. Chiedo e prego Dio che metta la mano sulla loro coscienza e illumini le menti di chi decide la vita e la sorte di altri uomini. Personalmente ho investito, per la libertà della dignità lavorativa, soldi che non ho, tempo, resistenza fisica e psicologica, traendo e cercando la forza dentro di me, nella mia famiglia, nel viso dei cari colleghi che esattamente come me, sacrificano affetti e tollerano immani fatiche in nome della giustizia, nutrendosi di forza e di speranza. Quello che chiediamo e pretendiamo è la ‘NORMALITÀ’ e, in nome di questa normalità, lotteremo fino allo stremo delle nostre forze. Domani, 9 settembre (oggi per chi legge ndr) in via Trinacria inizia lo sciopero della fame. Io ci sono, chi vuole sa dove trovarmi”.

Sempre sulla propria pagina Facebook Adriana Vitale ha pubblicato una lettera al neo Ministra del Lavoro, la grillina siciliana Nunzia Catalfo:

“Cara Ministra Nunzia Catalfo, ti scrivo.
Ci siamo conosciute a maggio del 2014, quando incombeva la campagna elettorale delle europee e tu eri in tour con il tuo movimento. Sei venuta nel mio paese, ed io sempre aperta a tutte le iniziative politiche, al di là della mia appartenenza di idee e pensieri, incuriosita sono venuta ad ascoltarvi, ad ascoltare ciò che tanto aveva entusiasmato i miei figli. Ho notato subito la tua passione politica, già parlavi di Reddito di cittadinanza nel tuo intervento passionale, fu allora che scoprimmo di essere colleghe, tu deputato nazionale e noi a combattere una battaglia che ancora continua in nome della dignità, in nome di una normalità compromessa che si preannunciava, come è avvenuto, devastante per ogni famiglia coinvolta in una mannaia senza precedenti e della quale sembra non importare a nessuno.

La tua ascesa politica, che ti ha portato ad oggi in un percorso lineare alle competenze acquisite in campo, ha camminato di pari passo con la nostra disfatta. Fin dalla prima legislatura ti sei occupata di lavoro in commissione, tante volte ci siamo sentite e confrontate, fino a quando non hai rappresentato, nella qualità di presidente della commissione Lavoro, la massima espressione di ciò di cui ti sei occupata da sempre, prima come formatore, dopo come orientatrice negli sportelli multifunzionali. Abbiamo sperato che il tuo ruolo potesse tradursi in qualcosa di positivo per i colleghi, pensando che molte volte ti sarai chiesta cosa avresti fatto se ti fossi ritrovata senza lavoro e senza alcun ruolo pubblico, forse saresti stata insieme a quel gruppo esiguo che mai ha mollato in questi anni e che lunedì prossimo sarà di nuovo per strada per consumare l’ennesimo sciopero della fame. Conoscendo la tua passione, credo che saresti stata accanto agli ex sportellisti liberi in ogni manifestazione, tante, infinite manifestazioni ormai difficili da contare.

Sono certa che se fossi stata Ministro fin dalla prima ora, senza nulla togliere a chi ti ha preceduto, non avresti creato altro precariato, avresti pensato ai tuoi colleghi e non solo per spirito di solidarietà o fisiologico campanilismo ma perché riqualificati esattamente come te e che come te hanno raccolto la disperazione di tanti conterranei che a noi si rivolgevano nei centri per l’impiego per essere aiutati, mentre nascondevamo la nostra ansia per il futuro e la disperazione di tante mensilità pregresse da percepire.

È andata così, ma abbiamo una possibilità di riscatto, basterebbe attenzione e soluzioni vere per risolvere il problema alla radice, specie adesso che la Sicilia ha tutti gli strumenti. Hai presieduto il tavolo di confronto istituzionale, voluto fortemente dai lavoratori che hanno affrontato tanti viaggi a Roma nella speranza di ottenere risposte, lavoratori di tutto il bacino della formazione professionale. Ogni volta ci siamo sentiti ripetere che il problema è regionale, ma sappiamo benissimo che un tavolo di crisi potrebbe dare risposte, diverso da un tavolo di confronto dove diventa terreno facile lo scarica barile, utile solo a gettare nel buio dello sconforto, nel vortice che non vede soluzione, nel cerchio della disperazione e della confusione, dove tutti hanno responsabilità e nessuno ha responsabilità, che provoca disaffezione e profonda delusione. Questa crisi ci ha, egoisticamente, preoccupati. Preoccupati che potesse finire anche quella piccola speranza di vedere alcuni beneficiari di misure straordinarie per snellire l’albo, che tradotto vuol dire consentire a molti lavoratori di vivere l’ultimo quarto di vita con serenità; preoccupati che un altro ministro non portasse a termine il potenziamento dei centri per l’impiego, unica speranza, se pur affidata alla regione, per poter riscattare la nostra dignità lavorativa. Adesso il tuo ruolo, in perfetta continuità, riaccende la speranza, la speranza che almeno alcune creature, le più vulnerabili per motivi di età, colpiti da un’ingiustizia provocata dell’indifferenza, dalla cattiveria, dalla disattenzione della politica, possano ricominciare a vivere.

Chiedo scusa per l’uso confidenziale, ti vedo sempre come una nostra collega, anche se il ruolo che ricopri, nella grammatica istituzionale, impone distacco e rispetto dei ruoli.
Nel congratularmi pubblicamente, dopo averlo fatto privatamente, ti auguro di mantenere sempre la forza, la lucidità e la passione che ti contraddistingue e che un ruolo così prestigioso impone, con la sincerità che va oltre le posizioni politiche che ognuno di noi coltiva. Sono certa che ti vedremo protagonista di un nuovo clima collaborativo e proficuo con le istituzioni siciliane per amore della nostra terra”.

Che dire? Fino ad oggi, dal Movimento 5 Stelle – sia per quanto riguarda i lavoratori della Formazione professionale della Sicilia, sia per ciò che riguarda gli ex sportellisti, sempre della Sicilia – sono arrivate solo promesse.

Ci saranno cambiamenti? Noi sul Movimento 5 Stelle non riponiamo più alcuna fiducia. Ma, si sa, i fatti potranno sempre smentirci.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti