A Torino prime elementari senza bambini italiani: chi glielo dice a Salvini?

A Torino prime elementari senza bambini italiani: chi glielo dice a Salvini?
9 settembre 2019

Mamma mia: e ora chi li sente? A Torino – manco nel Sud dei Terroni! – si scopre che due classi di una prima elementare non hanno tra i banchi nemmeno un bambino italiano! Detto questo – ironia sui leghisti a parte – forse è il caso di cominciare a interrogarsi sul perché in Italia si fanno meno figli. Forse c’entrano il rigore economico della UE e il lavoro sempre più precario (quando c’è)? 

Aiuto: hanno ‘invaso’ il Nord! nella terra che fu di Bossi si scopre che in una prima elementare non c’è un solo bambino italiano. Ci sono bambini cinesi, rumeni, moldavi, marocchini e di altri Paesi. Ma nemmeno un alunno italiano. E questi bambini che arrivano da mezzo mondo diventeranno – i docenti lo giurano – cittadini italiani a tutti gli effetti! Oddio: che diranno i leghisti?

Succede a Torino. La notizia la leggiamo su ICONA NEWS:

“Nell’Istituto comprensivo Ilaria Alpi – Perotti, Deledda e D’Acquisto – ci sono due prime elementari in cui non c’è nemmeno un bambino italiano. I ragazzini fanno parte del plesso D’Acquisto, dichiarato inagibile e per questo ubicate nella scuola media Croce, in una zona tra le più multietniche di Torino. La preside Aurelia Provenza spiega che ‘in tutte le classi la percentuale di stranieri è il 60% degli iscritti. I più numerosi sono rumeni, cinesi, marocchini e moldavi. La nostra è una scuola dell’accoglienza. Questa giornata è stata bellissima: i bambini sono venuti con i genitori che sono rimasti un’ora e mezza a fare attività con loro’”.

“Per quanto riguarda le classi senza italiani – prosegue l’articolo – la preside spiega che ‘i bambini sono stranieri di seconda generazione, hanno frequentato la scuola materna e hanno già una prima alfabetizzazione. Le maestre sono docenti di ruolo da tanti anni, sono molto competenti”.

E promette: “Faremo di questi bambini dei cittadini italiani a tutti gli effetti”.

Ragazzi: chi è che ha il coraggio di dire a Matteo Salvini e ai leghisti quello che sta succedendo in questa scuola di Torino? Che fa entra in classe e dice a docenti e bambini “prima gl’italiani”?

Ironia a parte, una riflessione va comunque fatta: è evidente che a Torino – ma forse non soltanto a Torino – i giovani italiani non hanno più voglia di fare figli. Per caso c’entrano le politiche economiche segnate dal rigore della UE e il lavoro sempre più precario, regalo sempre dell’Unione Europea dell’euro?

Se il Sud Italia si spopola, a quanto pare il Nord non si ripopola…

Foto tratta da Tuttoscuola

QUI L’ARTICOLO DI ICONA NEWS

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti