Simon, il giovane turista francese morto in un crepaccio del Cilento si sarebbe potuto salvare?

Simon, il giovane turista francese morto in un crepaccio del Cilento si sarebbe potuto salvare?
24 agosto 2019

Secondo un appello lanciato da Change.org, se il giovane francese “avesse richiesto soccorso nel proprio Paese, lo avrebbero trovato subito”. Dall’Europa l’Italia ha recepito tutte le penalizzazioni possibili e immaginabili, tranne la direttiva europea del 2009 sulle geolocalizzazioni! Sembra incredibile, ma è così!   

Raccogliamo il seguente appello di Change.org:

“Simon, francese, aveva 27 anni ed era venuto in vacanza in Italia. Durante una delle sue escursioni in montagna è caduto in un crepaccio nella zona del Cilento e si è rotto entrambe le gambe. Ha chiamato il 118, ma i soccorsi non riuscivano a localizzarlo, perché le Centrali operative del 118 in Italia non hanno ancora il sistema di geolocalizzazione delle chiamate di emergenza, direttiva Europea del 2009, ma non ancora recepita in Italia, e così Simon è morto. Maurizio chiede con forza che l’Italia si adegui, e attivi subito la geolocalizzazione delle chiamate di emergenza”.

“Quali sono le conseguenze del mancato recepimento operativo della direttiva europea sulla geolocalizzazione delle chiamate d’emergenza?
Prendiamo il caso del turista francese trovato morto dopo diversi giorni dalla sua richiesta di aiuto. Ebbene, in Italia le Centrali Operative 118 sono ancora prive del sistema di geolocalizzazione delle chiamate d’emergenza.
Inoltre, in Italia non è ancora disponibile il sistema tecnologico Advanced Mobile Location (AML), grazie al quale, pure in assenza di rete internet, dallo smartphone di chi richieda il soccorso parte immediatamente un sms al 112 che comunica le coordinate GPS corrispondenti esattamente al punto in cui si trova la vittima”.

“In pratica, il turista francese è stato trovato in avanzato stato di decomposizione. Se avesse richiesto soccorso nel proprio Paese, lo avrebbero trovato subito. Ugualmente lo avrebbero trovato subito da noi, se la relativa direttiva UE fosse stata recepita. La presente petizione è dunque tesa al recepimento tempestivo della summenzionata direttiva europea, affinché chi chiede aiuto alle forze dell’ordine possa essere immediatamente trovato. Molte vite sarebbero cosi salve”.

QUI PER FIRMARE L’APPELLO DI change.org

Foto tratta da TPI

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti