Fiume Màzaro a Mazara del Vallo/ Polemica Musumeci-Cristaldi. Chi ha inquinato il fiume?

Fiume Màzaro a Mazara del Vallo/ Polemica Musumeci-Cristaldi. Chi ha inquinato il fiume?
22 agosto 2019

Se lo chiede e lo chiede il presidente della Regione, Nello Musumeci, replicando all’ex sindaco di Mazara del Vallo ed ex parlamentare nazionale e regionale Nicola Cristaldi. I ritardi nei lavori ci sono. ma ci sono, per l’appunto, anche forme di inquinamento dovute, dice Musumeci, a “scarichi civili e industriali”

E’ polemica sul fiume Màzaro di Mazara del Vallo. A dare fuoco alle polveri è l’ex sindaco della cittadina, Nicolò ‘Nicola’ Cristaldi, che in verità non ha mai risparmiato critiche all’attuale Governo regionale.

La singolarità di questa polemica non sta solo nel problema in sé – che è comunque socialmente grave, visto che fino ad oggi di interventi concreti su questo corso d’acqua, che per Mazara del vallo è vitale, se ne sono visti pochi – ma anche nel fatto che Cristaldi e l’attuale presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, vengono dalla stessa esperienza politica: sono, entrambi, esponenti storici della destra siciliana.

Dice Cristaldi, come ricordato, già sindaco di Mazara del vallo, già presidente del Parlamento siciliano e già parlamentare nazionale, oggi presidente del movimento FUTURISTI:

“Basta con i toni trionfalistici e si dica la verità sulla escavazione del fiume
Mazaro. Viene spacciato come inizio dei lavori di dragaggio la semplice esecuzione di opere conseguenti al nubifragio che ha colpito Mazara del Vallo nel novembre e nel gennaio scorsi. Si tratta di lavori che avrebbero dovuto essere eseguiti con somma urgenza già a febbraio e che invece, forse, si eseguiranno dopo oltre sette mesi. La verità è che il dragaggio del fiume Màzaro rimane una chimera e misterioso rimane l’aspetto dei due
milioni e duecento mila euro assegnati dallo Stato alla Regione siciliana per
l’effettuazione dello stesso dragaggio, somme che non si sa che fine abbiano fatto. Ho sempre considerato il presidente Musumeci una persona seria e non capisco come continui a fidarsi di gente che gli fa dire ‘sbafarate’ che fanno cadere nel precipizio le Istituzioni regionali. La verità è che otto anni non sono bastati alla Regione per spendere i soldi dello Stato lasciando nel dramma la Marineria mazarese e l’intera città che punta sullo sviluppo del fiume per l’economia turistica”.

Non si fa attendere la replica del presidente Musumeci.

“Per una questione di stile, ho sempre voluto evitare, nel passato, di polemizzare con l’onorevole Nicola Cristaldi, malgrado i suoi frequenti e pesanti attacchi a questo governo della Regione. E come nel passato, eviterò anche questa volta, ringraziandolo anzi per avermi giudicato “persona seria”.

“Ho dichiarato, com’è noto – aggiunge il governatore – che sul Fiume Màzaro si è finalmente chiusa la stagione delle promesse e si è aperta quella dei fatti. L’ho fatto senza trionfalismi, ma con legittimo orgoglio, visto che se ne parla ormai da otto anni E spiego meglio perché. Il progetto esecutivo dei lavori di dragaggio della foce del Fiume Màzaro, approvato anche dall’amministrazione di Mazara del Vallo quando sindaco era l’onorevole Cristaldi, prevede anzitutto la ricaratterizzazione del sedimento prima di essere conferito nella apposita vasca di colmata. Il cantiere è stato consegnato alla fine del mese di luglio dalla Struttura contro il dissesto idrogeologico, di cui sono commissario da appena un anno e mezzo, e l’accelerazione è stata possibile principalmente a seguito delle elezioni amministrative mazaresi. Perché?”.

“Perché la precedente amministrazione – prosegue il presidente Musumeci – ha più volte preferito assecondare le critiche, anche aspre, di alcune associazioni ambientaliste, senza mai schierarsi a fianco delle Istituzioni. Anzi, le ha spesso osteggiate. Tanto che in uno dei Tavoli tecnici da me appositamente convocati, il delegato dell’ex sindaco ha dapprima dato la propria disponibilità all’utilizzo del centro di stoccaggio comunale per il conferimento delle sabbie, salvo poi revocare la stessa disponibilità appena qualche giorno dopo. Anche questo continuo ‘tira e molla’ ha determinato un allungamento dei tempi che non era più accettabile!”.

“Oggi si hanno finalmente tempi certi! – sottolinea il presidente della Regione -. Il cantiere è stato da noi avviato e l’impresa ha 45 giorni di tempo per la trasmissione delle risultanze della caratterizzazione che è prevista a fine mese. Entro settembre inizieranno le vere e proprie operazioni di dragaggio che, da crono-programma, dovranno concludersi entro 180 giorni per un costo di oltre due milioni di euro”.

“Inoltre, proprio a seguito dell’alluvione del novembre 2018 – prosegue Musumeci – il mio governo ha stanziato un altro mezzo milione di euro per i lavori di pulizia del fiume Màzaro. Interventi che sono interamente gestiti dal Genio civile di Trapani”.

A questo punto arriva la ‘stoccata’ di Musumeci e Cristaldi:

“La domanda che oggi, semmai, dovrebbe porsi l’ex sindaco Cristaldi è: perché sulla foce di quel fiume si è creata una contaminazione di natura prettamente biologica? E’ difficile capire che tale inquinamento può avere origine solo dal fatto che su quel corso d’acqua confluiscono e sversano abusivamente scarichi civili e industriali? E chi aveva il dovere di controllare e impedire tale illecita attività?”.

“Basta polemiche, dunque – conclude il presidente Musumeci – e si prenda finalmente atto che oggi alla Regione c’è un governo che fra mille difficoltà si sforza di dare alla Sicilia risposte a tanti problemi rimasti per anni insoluti. Riconoscerlo non è un reato, ma solo onestà intellettuale”.

Foto tratta da Prima pagina Mazara – primapaginasicilia.it

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti