Oggi nel Sud ricordiamo la strage di Pontelandolfo e Casalduni (VIDEO)

Oggi nel Sud ricordiamo la strage di Pontelandolfo e Casalduni (VIDEO)
14 agosto 2019

Oggi il Sud Italia ricorda un anniversario della strage di Pontelandolfo e Casalduni del 14 agosto del 1861. Esattamente 159 anni fa l’Italia sabauda dava l’ennesima prova della propria ferocia contro i meridionali ridotti in schiavitù con la ‘presunta’ unità d’Italia. Eppure è ormai provato, scrive Ignazio Coppola, che, nel Sud, i generali di casa Savoia – Enrico Cialdini in testa – si comportarono peggio dei nazisti a Marzabotto. Il VIDEO di Carmine Somma pubblicato da Vento da Sud, Vento Brigante 

di Ignazio Coppola
Sono passati 158 anni da quel 14 agosto del 1861, alba dell’Unità d’Italia, quando andò in scena una strage ai danni degli abitanti di due paesi in provincia di Benevento, Pontelandolfo e Casalduni: una strage che mai mente criminale avrebbe potuto concepire. I protagonisti di questa bruttissima pagina della storia italiana sono i “liberatori” italo-piemontesi, con in testa il Generale Enrico Cialdini, forse il peggiore criminale sabaudo nella post unificazione.

Alle prime ore del giorno di quel 14 agosto, come già ricordato, si scrive una delle pagine più nere del Risorgimento, puntualmente ignorata dalla storiografia ufficiale e dai testi scolastici. Su ordine del già citato generale Enrico Cialdini viene inviata, per una operazione di rappresaglia (poiché erano stati uccisi dai briganti alcuni soldati del regio esercito), al comando del colonnello Pier Eleonoro Negri, una colonna di 500 bersaglieri con l’ordine di massacrare tutti gli abitanti, ritenuti complici dei briganti, e per vendetta di radere al suolo i due paesi.

La mattina del 14 agosto i soldati raggiungono i due paesi. Casalduni viene trovata quasi deserta: gran parte degli abitanti, intuendo quello che stava per succedere, si era data alla fuga. Completamente diverso lo scenario a Pontelandolfo, dove gli abitanti vennero invece sorpresi nel sonno.

I militari piemontesi assaltarono le chiese e le case: saccheggi, torture, stupri: sì, quella mattina succede veramente di tutto. Le cronache dell’epoca raccontano che i militari davano fuoco alle abitazioni lasciando dentro gli abitanti.

Si racconta anche che i bersaglieri attendevano l’uscita dei civili dalle proprie abitazioni in fiamme per sparargli addosso. Chi riesciva salvarsi dalle fiamme e dal tiro a bersaglio veniva catturato e poi fucilato. Per le donne trattamento a parte: cattura, strupri, sevizie e uccisione per quelle che si opponevano.

Enrico Cialdini è il mandante del massacro di Pontelandolfo e Casalduni. In virtù dei più ampi e criminali poteri che arbitrariamente si attribuiva, in dispregio delle leggi e delle più elementari norme umanitarie, fece fucilare sul posto, senza processo, intere famiglie. Mise a ferro e fuoco interi paesi e villaggi del Mezzogiorno d’Italia e fece arrestare e deportare tutti coloro che davano solidarietà e un minimo di sussistenza ai cosiddetti briganti.

Negli ordini scritti ai suoi sottoposti, Cialdini era solito raccomandare di “non usare misericordia ad alcuno, uccidere senza fare prigionieri, tutti quanti se ne avessero tra le mani”. Ed è esattamente quello che avvenne, ad opera di questo criminale, a Pontelandolfo e Casalduni. E dire che a questo esecrabile personaggio nel nostro Paese sono ancora dedicate numerose vie e piazze che sarebbe ora di cancellare!

Nel 1920 Antonio Gramsci, su ‘Ordine Nuovo’, a proposito di questi genocidi e di queste vere e proprie pulizie etniche perpetrate dei “civilizzatori e liberatori” italo-piemontesi a danno delle popolazioni meridionali così scrive:

“Lo Stato italiano si è caratterizzato come una dittatura feroce che ha messo a ferro e a fuoco l’Italia meridionale, squartando, fucilando e seppellendo vivi i contadini poveri che scrittori salariati tentarono di infamare con il marchio di briganti”.

Ma per restare nello specifico degli eccidi di Pontelandolfo e Casalduni, ecco quanto riporta dettagliatamente e testualmente nel suo diario Carlo Margolfo, uno dei 500 Bersaglieri entrati, all’alba di quel maledetto 14 agosto in paese a compiere la strage:

“Al mattino del mercoledì, giorno 14, riceviamo l’ordine superiore di entrare nel Comune di Pontelandolfo, fucilare gli abitanti ed incendiarlo. Entrammo nel paese, subito abbiamo incominciato a fucilare i preti e gli uomini, quanti capitava, indi il soldato saccheggiava ed infine abbiamo dato l’incendio al paese, di circa 4500 abitanti. Quale desolazione non si poteva stare d’intorno per il gran calore e quale rumore facevano quei poveri diavoli che la sorte era di morire abbrustoliti e chi sotto le rovine delle case”.

Questa la raccapricciante testimonianza del bersagliere Margolfo che è attivo protagonista di tale eccidio. L’ordine è perentorio: radere al suolo i due paesi, non fare rimanere in piedi una sola pietra.

Come già ricordato, vengono prese d’assalto le chiese e le case e, al grido di “piastra, piastra”, vengono saccheggiate per poi essere incediate. Il “diritto di rappresaglia” consente a queste belve di uccidere, in un orgia di sangue, anche vecchi e bambini e stuprare le donne senza prima avere loro strappato gli orecchini.

Concettina Biondi, una ragazzina appena sedicenne, viene violentata malgrado l’ordine fosse quello di risparmiare almeno i bambini.

La storia ufficiale ha nascosto quasi tutto. Ancora oggi non si conosce nemmeno il numero esatto delle vittime.

Ecco i genocidi e le pulizie etniche che venivano perpetrate agli albori dell’Unità d’Italia dai liberatori piemontesi nei confronti delle popolazioni meridionali. Si può senz’altro dire che la ferocia, per “diritto di rappresaglia” dimostrata in quel maledetto 14 agosto del 1861 dagli italo piemontesi nei confronti degli abitanti di Pontelandolfo e Casalduni fu senza dubbio superiore a quella dimostrata, sempre per “diritto di rappresaglia”, dai nazisti esattamente 83 anni dopo nell’agosto del 1944 a Marzabotto e a Sant’Anna di Stazzema, dove gli abitanti furono anch’essi fucilati senza saccheggi e stupri e le case dei due paesi non furono bruciate, al contrario di quelle di Pontelandolfo e Caslduni di cui i piemontesi ne lasciarono intatte solamente tre.

Eppure i nostri libri di storia e le enciclopedie non fanno altro che ricordare opportunamente perché non se ne perda la memoria le vittime dei nazisti dell’agosto del 1944. Ma è anche giusto ritrovare la memoria di quegli eccidi e di quelle pulizie etniche di cui furono vittime le popolazioni meridionali ad opera di altri italiani che si spacciarono per “liberatori e civilizzatori”. Assassini le cui gesta criminali vengono ancora oggi puntualmente ignorate dalla storiografia ufficiale e scolastica.

Le passate celebrazioni del 150 anniversario dell’Unità d’Italia sarebbero state una buona occasione per ricordare e ritrovare una memoria condivisa. E lo sono state in parte quando, nell’ambito delle manifestazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia, Giuliano Amato, presidente del comitato dei garanti delle celebrazioni, ha dichiarato agli abitanti di Pontelandolfo:

“A nome del presidente della Repubblica Italiana vi chiedo scusa per quanto qui è successo e che è stato relegato ai margini dei libri di scuola”.

Scuse tardive, ma che confermano che questi fatti non sono mai stati riportati nei libri di storia.

Lo scorso anno la vicenda è stata ricordata da un’iniziativa del Movimento 5 Stelle con una serie di mozioni presentate ai Consigli regionali di Campania, Puglia, Molise, Basilicata ed Abruzzo. E’ stata chiesta l’istituzione di un giorno della memoria per le vittime del Risorgimento datato 13 febbraio (ricorrenza della caduta di Gaeta). L’occasione per ribadire che “il tempo è maturo per una riflessione e per analizzare cosa accadde alle popolazioni civili meridionali e quanto ancora ci costa nel presente. Nei testi scolastici si fa appena un accenno. Chiediamo solo la verità”.

Iniziativa che ha suscitato la dura reazione dei quotidiani Libero e Il Giornale e dei risorgimentalisti di mestiere e di regime che non vogliono accettare l’idea che si faccia finalmente luce su fatti ed avvenimenti della nostra storia per troppo tempo nascosti e dimenticati.

Diceva Leonardo Sciascia:

“Questo è un Paese senza memoria e io non voglio dimenticare”.

QUI IL VIDEO DI CARMINE SOMMA PUBBLICATO DA VENTO DA SUD, VENTO BRIGANTE

Da leggere anche:

Incredibile: Palermo dedica una via al generale Enrico Cialdini, il feroce assassino di meridionali!

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti