Grillini: dopo le ‘malafiure’ di ILVA, TAP e Sud arriva anche il sì alla TAV!

Grillini: dopo le ‘malafiure’ di ILVA, TAP e Sud arriva anche il sì alla TAV!
24 luglio 2019

Grandi grillini! Allegria, ragazzi: il Movimento 5 Stelle ha chiuso il cerchio della presa in giro politica: dopo aver tenuta aperta l’acciaieria dell’ILVA, dopo il sì alla TAP nel Salento e l’abbandono del Sud è arrivato anche il sì alla TAV. L’Alta velocità Torino-Lione si farà. I grandi appalti sono salvi. C’è da ridere? Tutto è iniziato ridendo e tutto finirà ridendo… 

Era scritto. Dopo aver ceduto sull’ILVA, dopo il sì alla TAP, dopo i fanghi industriali sparsi per i campi agricoli e dopo il no agli interventi per l’agricoltura meridionale, i grillini hanno deciso di dire sì anche alla TAV. Sì, l’Alta Velocità ferroviaria tra Torino e Lione si farà, i grandi appalti sono salvi. Tutti felici e contenti. Vergogna? Certo. Ma che importa. Ormai il Movimento 5 Stelle è in caduta libera. Trenta e due ventotto…

E’ vero, hanno perduto la faccia. Ma hanno accontentato i poteri forti. Volete mettere? Magari tra qualche giorno Alessandro Di Battista si recherà nelle valli che verranno ‘immolate’ sull’altare dei grandi appalti per l’Alta velocità e dirà:

“Avete ragione, abbiamo sbagliato”.

Del resto, l’ha già fatto nel Salento, con la TAP, il folle metanodotto che distruggerà un pezzo della costa salentina, ‘inghiottendo’ oliveti e spiaggia. E così come il Salento val bene gli appalti, anche gli illusi No TAV possono essere sacrificati nel nome dei grandi appalti.

Già, i No TAV. Lì non sappiamo come finirà. Ma una cosa è chiara: i grillini, da quelle parti, non avranno più diritto alla parola. Perché si sono comportati peggio, molto peggio dei leghisti e degli esponenti del PD.

Salvini e i pddini, che non sono d’accordo mai su nulla, da quelle parti, su una cosa concordano: sul sì alla TAV. Anche Forza Italia è sempre stata favorevole all’Alta velocità. Berlusconi e i grandi appalti: figuriamoci! Insomma, i grandi appalti hanno tenuto insieme tre forza politiche diverse: leghisti, PD e berlusconiani.

E al denaro – perché di questo, alla fine, si tratta – si è richiamato anche il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, l’uomo del Movimento 5 Stelle, scelto dal Movimento 5 Stelle per Palazzo Chigi.

Per motivare il voltafaccia, l’ennesimo voltafaccia dei grillini, Conte, con sussiego, ha affermato:

“Non fare il TAV costerebbe più che farla”, ha detto il capo del Governo, che gli appalti della TAV li chiama al maschile.

E i valori fondanti del Movimento 5 Stelle? La partecipazione dei cittadini? La tutela del territorio? La lotta agli sprechi?

Ragazzi, tutto è ‘merce’, oggi. Anche i valori – i grandi valori della politica, da Aristotele ai nostri giorni – sono ‘merce’: hanno un prezzo. Il denaro, alla fine, è ciò che conta. I picciuli, come si dice in Sicilia.

‘Merce’ e merci. Con la TAV passeranno le merci. Anche quelle – anzi soprattutto quelle – che non ci sono più.

Un conto è prendere i voti assecondando la volontà dei cittadini, com’è stato fatto a Taranto promettendo la chiusura dell’inquinantissima acciaieria dell’ILVA; un conto è schierarsi, a parole, contro la TAP; un conto è appoggiare la rivolta dei NO TAV. Un conto è gabbare gli elettori del Sud. Poi, però, una volta incassati i voti, dalle Alpi alla Sicilia, beh, ragazzi, si fa l’esatto contrario.

Vecchia politica? Ma certo! Cosa avevate pensato che Grillo, Di Maio e Di Battista avrebbero mantenuto gli impegni con gli elettori? Pensavate veramente che i grillini avrebbero chiuso l’ILVA, detto no alla TAP, bloccato la TAV e difeso il Sud?

“Figura di Mer…”, si legge nella rete.

Certo. Però magari la gente dimentica. A Taranto forse hanno già dimenticato. Nel Salento pure. Al Sud gli hanno dato il Reddito di cittadinanza: per i terroni morti di fame può anche bastare.

E la TAV? Vabbé faranno un po’ di storie e poi, anche loro, dimenticheranno.

Ora c’è da pensare al futuro. Il Movimento 5 Stelle un po’ di voti li perderà. Però forse il 20% di ingenui che gli andranno ancora dietro si troverà. Per alcuni – non per tutti, ovviamente – il terzo mandato ci sarà…

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti