Palermo, finalmente una stretta sugli incivili che sporcano la città. Adesso tocca ai pirati della strada

Palermo, finalmente una stretta sugli incivili che sporcano la città. Adesso tocca ai pirati della strada
20 luglio 2019

La RAP – l’Azienda che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti a Palermo – presenta ancora lacune. Ma finalmente c’è qualcuno, il vice sindaco Fabio Giambrone, che ha ‘sgamato’ i maleducati che sporcano la città (che spesso non sono palermitani). Ci auguriamo che le autorità colpiscano duramente gli automobilisti che ignorano le strisce pedonali

di Carmelo Raffa

Senza dubbio l’Azienda che a Palermo si occupa della raccolta dei rifiuti – la RAP, che fa capo al Comune – neanche in questi giorni ha dato prova di perfetta efficienza. Si continuano a vedere montagne di immondizia principalmente nelle viuzze e nelle strade non principali e la presenza del caldo amplifica i cattivi odori.

Negli ultimi giorni nonostante ci sia stata una mobilitazione dei dipendenti RAP e la collaborazione del Comune le cose sono un po migliorate, ma alcune lacune si denotano.

Se, però, noi cittadini pensiamo e anzi ne siamo convinti che il problema “è loro, e solo loro” commettiamo un grosso errore, perché le conseguenze poi li paghiamo noi, cioè l’intera cittadinanza.

Una città, capoluogo di Regione, non pulita ma sporca dà la convinzione a coloro che vengono a Palermo per turismo o per lavoro di ritrovarsi in un ambiente poco civile e da terzo mondo.

Ognuno di noi si faccia l’esame di coscienza: se questo esame di coscienza lo faremo seriamente ci accorgeremo di avere infranto qualche regola o quasi tutte le regole presenti in Italia, nella nostra Regione e nel Comune dove viviamo.

C’è, infatti, poco rispetto per gli orari fissati per buttare i sacchetti nelle apposite pattumiere, mentre nelle zone della città dove viene effettuata la differenziata ci sono dei furbetti che, approfittando di essere in condominio, trasgrediscono le regole e fanno così pagare le multe a tutti i condomini di quel palazzo.

Una cosa più grave del mancato rispetto delle regole legate alla raccolta dei rifiuti è il non rispetto del codice della strada, con particolare riferimento alla precedenza da dare ai pedoni sulle strisce pedonali.

La maggior parte degli automobilisti non si ferma e va avanti, nonostante sulle strisce ci siano pedoni ed in questo modo  quasi quotidianamente registriamo incidenti e, in alcuni casi, piangiamo i morti.

A questo punto occorre dire basta a questo modo di fare e ad altre espressioni del malcostume o, meglio ancora, bisogna dire basta ad atti di pirateria: chi di dovere – che spesso viene accusato di inerzia se le cose non vanno bene – deve reagire.

Ieri è stata la prima volta che un Amministratore del Comune di Palermo è sceso in strada assieme ai vigili urbani constatando che molte persone provenienti dai paesi vicini o quasi vengono a Palermo per disfarsi della spazzatura e lo fanno in qualsiasi orario. Non solo spazzatura ordinaria ma anche mobili ed elettrodomestici. Palermo Today ha pubblicato questo video: https://www.palermotoday.it/video/multe-rifiuti-video-giambrone-comandante-vigili.html

Sono state elevate 74 contravvenzione e sequestrati alcuni mezzi.

Vogliamo, a questo punto, fare il plauso a Fabio Giambrone che, oltre a ricoprire la carica di vice Sindaco, ha la delega al decoro, per come si sta muovendo: auspichiamo che chi di dovere non si fermi alle infrazioni “sulla munnizza”, ma usi la mano pesante per educare gli automobilisti incivili ad avere il massimo rispetto per i pedoni e per il codice della strada.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti