Black Hornet, il drone-elicottero da 200 grammi: arma quasi invisibile che si infila nelle file nemiche

Black Hornet, il drone-elicottero da 200 grammi: arma quasi invisibile che si infila nelle file nemiche
16 luglio 2019

Il dronino Black Hornet, detto anche “Calabrone nero”, è un piccolissimo elicottero da combattimento che sta entrando in servizio presso le forze armate di tanti Paesi occidentali. E’ leggerissimo, silenziosissimo ed efficacissimo: entra nelle file nemiche e trasmette immagini in tempo reale di possibili imboscate e di altri pericoli. Tra qualche anno sarà un’arma letale in grado di rincorrere il bersaglio…

di Nota Diplomatica

Il dronino Black Hornet – “Calabrone nero” – dell’americana Flir Systems è una sorta di piccolissimo elicottero da combattimento che sta entrando in servizio presso le forze armate di diversi Paesi occidentali. L’apparecchio, che pesa circa due etti, non è di per sé un’arma. Il suo ruolo è quello della ricognizione avanzata, soprattutto nel corso di scontri in ambito urbano.

Sulla carta le sue prestazioni non sono particolarmente eccitanti: il raggio d’azione non supera i due chilometri, la velocità di crociera massima è di 20 km all’ora e l’autonomia della batteria è limitata a venticinque minuti. In compenso è silenzioso, quasi invisibile e alle basse velocità così manovrabile da potere essere utilizzato per andare in avanscoperta perfino all’interno di edifici in mano nemica – il tutto mentre trasmette all’operatore immagini in tempo reale di possibili imboscate ed altri pericoli.

Come suggeriscono le sue caratteristiche, il Black Hornet è stato concepito principalmente per assistere truppe da terra durante l’assalto ad obbiettivi cittadini, dove le distanze sono brevi e le costruzioni ostacolano l’operazione di elicotteri convenzionali e di mezzi corazzati. Secondo l’emergente dottrina militare nei Paesi avanzati, saranno le metropoli – molto più delle zone perlopiù rurali del recente passato – il teatro dei combattimenti più importanti.

È probabilmente inevitabile che, seguendo l’evoluzione dei droni militari maggiori, i futuri discendenti del calabrone da guerra non saranno unicamente dei ricognitori passivi, ma delle vere e proprio munizioni volanti, capaci non solo di “vedere” il bersaglio, ma di rincorrerlo su per le scale o giù in cantina – un motivo in più per acquisire l’abitudine di tenere le porte sempre ben chiuse.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti