La Polonia in prima fila per fermare la tecnologia 5G. Ma che sta succedendo?

La Polonia in prima fila per fermare la tecnologia 5G. Ma che sta succedendo?
12 giugno 2019

Quello che si legge sul 5G in un articolo pubblicato su ACTIVIST POST -ALTERNATIVE NEWS & INDIPENDENT VIEWS fa rabbrividire! “These effects include cancer risk, cellular stress, increase in harmful free radicals, genetic damages, structural and functional changes to the human reproductive system, learning and memory defects, neurological disorders and negative impacts on general well-being in humans…” 

Tecnologia 5G: il Governo polacco è diventato improvvisamente “complottista”? O, forse, sta mettendo il naso in qualcosa di molto grosso? Fatto sta che quello che si legge su ACTIVIST POST -ALTERNATIVE NEWS & INDIPENDENT VIEWS in articolo pubblicato in lingua inglese (che trovate in calce) fa rabbrividire!

In confronto, quello che abbiamo scritto noi sugli alberi abbattuti per far posto alla tecnologia 5G è acqua fresca! (QUI IL NOSTRO ARTICOLO).

La Polonia interviene addirittura con il proprio Primo Ministro:

“Con un’azione senza precedenti – leggiamo nell’articolo – il primo Ministro della Polonia, Mateusz Morawiecki, ha personalmente appoggiato un appello internazionale per fermare la tecnologia 5G oggetto di controversia per via dei problemi legati all’elettromagnetismo”.

La tecnologia 5G – questo, sintetizzando, è quanto si legge nell’articolo – è stata identificata, in tutto il mondo, da oltre 2 mila scienziati e mille e 400 medici come una diretta minaccia per la salute umana, per la vita di animali (compresi gli insetti) e per le piante.

Nell’articolo, sempre a proposito della tecnologia 5G, si dice che non sono stati effettuati test di sicurezza per certificare l’assenza di danni al mondo animale e vegetale. E si precisa, inoltre, che la tecnologia 5G prevede la diffusione di antenne nelle aree urbane a breve distanza tra le abitazioni.

Da quello che si può desumere, le città verrebbero riempite di antenne: questo spiegherebbe l’abbattimento degli alberi?  

Nell’articolo si parla di uno studio di 230 tra scienziati e medici che hanno espresso perplessità circa l’esposizione a queste onde elettromagnetiche.

Riportiamo quello che a noi sembra il passaggio più importante dell’articolo:

“These effects include cancer risk, cellular stress, increase in harmful free radicals, genetic damages, structural and functional changes to the human reproductive system, learning and memory defects, neurological disorders and negative impacts on general well-being in humans. Damage goes well beyond humans, as there is mounting evidence of deleterious affects to both plants and animals”.

(“Questi effetti includono rischio di cancro, stress cellulare, aumento dei radicali liberi, danni genetici, cambiamenti strutturali e funzionali nel sistema riproduttivo umano, difetti dell’apprendimento e della memoria, disordini neurologici e impatti negativi sul benessere generale negli esseri umani. Il danno va ben al di là degli effetti negativi sull’uomo, giacché vi sono effetti di deterioramento sia per le piante, sia per gli animali”).

Ci hanno colpito, in particolare, gli effetti negativi sulle piante. Da qui una nostra domanda: non è che questa tecnologia rende le piante più deboli? Domanda che chiama altre domande. Per esempio: non è che gli alberi vengono abbattuti perché sono diventati deboli e si cerca di evitare che cadano in testa alle persone?

Ma che sta succedendo? Che cosa non ci dicono?

QUI DI SEGUITO L’ARTICOLO DI ACTIVIST POST -ALTERNATIVE NEWS & INDIPENDENT VIEWS:

Prime Minister of Poland Signs Global Appeal to Stop 5G

 

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti