Scelti da Facebook/ Addaura, una borgata a mare di Palermo praticamente abbandonata

Scelti da Facebook/ Addaura, una borgata a mare di Palermo praticamente abbandonata
9 giugno 2019

In un post su Facebook, in modo molto diretto e incisivo, Gaetano Zangara, illustrando lo stato attuale dell’Addaura, borgata a mare di Palermo, non descrive soltanto l’assenza di urbanistica, ma anche l’assenza dell’amministrazione comunale. E meno male che Palermo è una città sul mare… 

Ci ha molto colpito un post su Facebook di Gaetano Zangara. Si parla del degrado di una borgata di Palermo. Una borgata che non è certo nata all’insegna dell’abbandono, perché l’Addura si snoda lungo un bellissimo tratto di costa della città. Con case molto belle, panorami belli. Eppure… Eppure quello che si legge in questo post fa riflettere amaramente su come, oggi, viene gestito il capoluogo siciliano.

Scrive Gaetano Zangara:

“All’Addaura:

Non c’e’ una edicola.

Non c’e’ un tabaccaio.

Non ci sono ristoranti e/o pizzerie: l’unico che c’era, I 4 Passi, ha chiuso.

Non ci sono né una macelleria, né una pescheria.

Non vi sono locali di intrattenimento (cinema…).

Non vi sono bar e pasticcerie.

Le corse del bus che collegano la borgata con la città sono inadeguate.

Non si sa se questa estate verrà ripristinata la navetta che collega la borgata con Mondello.

Non esiste una stazione di taxi.

Raramente vi staziona una pattuglia di vigili urbani malgrado i reali pericoli provocati da un traffico angusto per le invasioni dei club nautici.

Nessun marciapiede che ponga al riparo i pedoni e che scoraggia i turisti dal percorrere i 1200 metri per raggiungere il litorale di Mondello.

Mi fermo qui la potrei continuare oltre”.

In queste poche righe, in modo molto incisivo, si coglie l’assenza pressoché totale dell’idea stessa di urbanistica. Certo, a Mondello le speculazioni edilizie sono la regola (QUI UN NOSTRO ARTICOLO). Però negare fino a questo punto i servizi ai cittadini è veramente incredibile!

Zangara analizza “l’assoluta carenza di infrastrutture, il degrado e l’abbandono degli spazi pubblici che potrebbero essere convertiti in giardini e parchi con attrazioni, la mancanza di posteggi regolamentati, l’invasione in estate di roulotte ed altro che inquinano la zona costiera anche acusticamente”; e si chiede se tutto questo, alla fine, non scoraggi chi potrebbe investire in questa borgata.

“Io la risposta ce la ho! – scrive sempre Zangara -. Come ho la certezza che il vice sindaco Fabio Giambrone ha sensibilità per cercare di risolvere i problemi esistenti ponendo in essere le iniziative più adeguate. Lo sperano i quasi 1500 aderenti al Comitato ‘Salviamo l’Addaura’ malgrado che i vari tavoli di approfondimento con gli amministratori locali non abbiano dato un benché minimo risultato”.

C’è anche il mare dove non si può fare il bagno. Circa 500 metri di costa dell’Addaura non sono balneabili, come leggiamo in un articolo di mobilita.org palermo:

“Il Comune di Palermo, come ogni anno, ha pubblicato i punti della costa in cui è vietato la balneazione. Un vero bollettino di guerra. Nell’ordinanza firmata dal sindaco Leoluca Orlando si legge:
‘Per il 2019 a Palermo sono ben otto i chilometri non balneabili per inquinamento: 400 metri di litorale a Vergine Maria, 500 a Barcarello, 200 a Mondello (all’altezza dello sbocco del Ferro di Cavallo), 3.700 dal porticciolo di Sant’Erasmo all’inizio di quello alla Bandita, altri 2500 metri dalla Bandita al lido Olimpo e poi altri 760 verso Messina’. A questi otto chilometri, bisogna aggiungerne quasi altri nove di costa non balneabile per ‘altri motivi’, ossia ‘perché si tratta di punti troppo vicini ai porticcioli e quindi poco sicuri: 700 metri a Sferracavallo, 210 alla Fossa del gallo, 300 a Mondello, 500 all’Addaura, 200 alla Bandita e quasi sette chilometri dal porticciolo di Vergine Maria a Sant’Erasmo, ossia la parte che comprende il porto principale e tutto il Foro Italico.
Ben 17 chilometri di costa,
Rispetto all’anno scorso non è cambiato niente”.

 

Foto tratta da palermo.mobilita.org

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti