Per i Siciliani “olio d’oliva extra vergine” a 2,99 euro a bottiglia… Che cosa pensate di acquistare?

Per i Siciliani “olio d’oliva extra vergine” a 2,99 euro a bottiglia… Che cosa pensate di acquistare?
20 maggio 2019

L’arroganza con la quale la Grande distribuzione organizzata, in Sicilia, presenta e pubblicizza la vendita di “una bottiglia di olio d’oliva extra vergine” al costo di 2,99 euro è la dimostrazione che ci considerano consumatori che non sono in grado di riflettere. Noi invece invitiamo i Siciliani a riflettere facendo quattro conti semplici semplici…

Questa ve la raccontiamo ‘fresca fresca’: meno di un’ora fa in un Centro commerciale di Palermo, una grande pubblicità annuncia “una bottiglia di olio d’oliva extra vergine a 2,99 euro”. A parte che non viene specificato da dove arriva, ma se produrre un litro di olio d’oliva extra vergine in Italia, quest’anno, è costato non meno di 7 euro al litro, come fanno a venderlo a un prezzo così basso?

La vicenda dell’olio d’oliva extra vergine è il paradigmatica di cosa sia, oggi, la globalizzazione dell’economia, che è una sommatoria di ricatti e di tentativi di convincerci che siamo diventati tutti scemi.

Il ricatto è nell’impoverimento: l’Italia è un Paese sempre più povero e non ci possiamo permettere – questo è il messaggio che l’Unione europea dell’euro lancia agli italiani – il vero olio d’oliva extra vergine italiano, anzi, non ci possiamo permettere di tenere in vita le aziende agricole: queste ultime – le aziende agricole italiane, a cominciare da quelle del Sud Italia – devono fallire ed essere vendute a prezzi stracciati.

Possibilmente utilizzando le stesse leggi italiane.

Dopo di che gli italiani debbono acquistare “olio extra vergine di oliva” a 2,99 euro a bottiglia: ma debbono farlo senza riflettere. E qui arriva il secondo punto del programma ‘europeista’ della UE per gli italiani: convincere gli italiani che la soluzione di tutti i problemi è portare i cervelli all’ammasso.

Infatti: se, quest’anno, come già accennato, l’annata, per le olive da olio, è stata un disastro, se la produzione di olive da olio si è ridotta del 50-60%, se un litro di olio d’oliva extra vergine italiano (che è quasi tutto del Sud Italia, considerato che il 90% di olio d’oliva extra vergine italiano si produce in Puglia, Calabria e Sicilia), a ‘bocca di frantoio’ si è venduto da 8 a 12 euro al litro,  come fa un centro commerciale a vendere “olio d’oliva extra vergine” a 2,99 euro a bottiglia (quindi con l’aggiunta del costo di imbottigliamento e del costo di distribuzione)?

Secondo voi che “olio d’oliva extra vergine” è quello che si vende – in questo momento – a 2,99 euro a bottiglia?

Avanti, provate a indovinare…

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti