La Sicilia nelle mani di lestofanti che si credono – e lo sono – invincibili

La Sicilia nelle mani di lestofanti che si credono – e lo sono – invincibili
15 aprile 2019

La Sicilia una terra è irredimibile. Povera e corrotta, in mano a un pugno di lestofanti che si credono invincibili e di fatto lo sono. Non temono nulla, nessun vaso di pandora scoperchiato riesce a farli desistere, nessuno scandalo e nessuna vergogna, anzi, se possibile continuano con sfacciataggine a moltiplicare le loro misere e becere azioni, tanto la giustizia tra cavilli ed errori di forma, gli fa un baffo e loro lo sanno

di Adriana Vitale

Non è bastato gettare sul lastrico decine di centinaia di famiglie, non è bastato condizionare qualsiasi scelta a favore dei lavoratori, non è bastata la vergogna, continuano imperterriti a difendere prebende, privilegi e manciugghia con l’aiuto di politicanti asserviti e sindacazzi compiacenti che ancora si sbattono il petto per favorire se stessi e i soliti noti.

I lestofanti che hanno in mano la Sicilia non hanno alcun rossore e vergogna, scandali e miserabilità sono per loro medaglie al petto, un vanto per la loro furbizia insulsa, tanto la giustizia tra cavilli ed errori di forma, gli fa un baffo e loro lo sanno.

Quante volte abbiamo scritto identiche parole solo perché vivevamo sulla nostra pelle le conseguenze di indegni disegni. Adesso che tutto è venuto fuori nella sua crudezza, nessuna gioia, solo lacrime di dolore, solo sconforto, solo l’amara constatazione dall’aver avuto ragione, ma che è una ragione inutile, solo la consapevolezza che ciò che vivevamo come percezione è amara verità, tanto la giustizia tra cavilli ed errori di forma, gli fa un baffo e loro lo sanno.

Come avremmo potuto vedere la luce con tali squallidi personaggi? Ricordiamo ad uno ad uno tutte le audizioni in V commissione del Parlamento siciliano con i politicanti che, mentre asservivano i loro papponi, questi si aggiravano nei corridoi del ‘Palazzo’ e di come, mentre ci ammazzavano e si toglievano di torno chiunque potesse disturbare il loro disegno, si favorivano l’un l’altro.

Amarezza, rabbia e la dolorosa consapevolezza che questa terra è irredimibile. A noi rimane comunque la faccia onesta e pulita, a loro il tintinnio e la vergogna delle catene, forse, tanto la giustizia tra cavilli ed errori di forma, gli fa un baffo e loro lo sanno, infatti ad uno ad uno, con lo stesso identico metodo, come una sorta di “Copia e incolla”, sono liberi dalle catene, mentre la giustizia, quella vera, piange la sua propria stessa ingiustizia della giustizia.

Foto tratta da sinonimi-contrari.it

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti