Elezioni europee: cosa scriveranno nei manifesti i candidati della Lega di Salvini in Sicilia?

Elezioni europee: cosa scriveranno nei manifesti i candidati della Lega di Salvini in Sicilia?
9 aprile 2019

La cosa ci incuriosisce perché è la prima volta che una formazione politica si presenta al cospetto dei siciliani con l’obiettivo, dichiarato, di alleggerirgli le tasche. Per carità, dal 1947 ad oggi abbiamo avuto a che fare con gli ‘ascari’ che hanno svenduto Sicilia e Autonomia siciliana. Ma mai nessuno, come stanno facendo oggi i leghisti con l’autonomia differenziata, ha mai chiesto voti ai siciliani per togliergli i fondi della scuola e della sanità!

C’è il candidato preoccupato per le sorti dell’Europa. E c’è quello che vorrebbe cambiare tutto. Ma non abbiamo ancora il piacere di conoscere cosa scriveranno nei manifesti elettorali i seguaci della Lega di Matteo Salvini in salsa siciliana.

Il tema è interessante. Perché con la storia della cosiddetta autonomia differenziata – meglio nota come ‘Secessione dei ricchi’ – i leghisti sono stati costretti a scoprire le carte.

Se lo scorso anno, quando in Sicilia tanti consiglieri comunali eletti con la vecchia politica siciliana (centrodestra e centrosinistra) sono passati, armi e bagagli, con la Lega, convinti di aver fatto “la scelta giusta” (leggere il salto sul carro del vincitore, sport in cui i politici siciliani sono quasi imbattibili), se fino alle elezioni politiche del marzo 2018 nel Sud e in Sicilia il Salvini conosciuto era quello di “prima gli italiani”, adesso lo scenario è un po’ mutato, perché i leghisti che amministrano le Regioni Lombardia e Veneto vogliono tenersi il cosiddetto “residuo fiscale” in forza della già citata autonomia differenziata.

Un bel problema, per i leghisti. Perché, adesso, sarà veramente difficile prendere per i fondelli gli elettori meridionali. Vero è che ci stanno provando, dicendo che no, che non è come dicono al Sud, che l’autonomia differenziata non toglierà soldi alle Regioni del Mezzogiorno.

Peccato che l’economista Gianfranco Viesti ha fatto i conti e, numeri alla mano, ha dimostrato che con l’autonomi differenziata il Centro Nord toglierà una barca di soldi al Sud (QUI UN NOSTRO ARTICOLO).

Del resto, è anche logico. Facciamoli noi, quattro conti, senza entrare nel dettaglio. Partiamo da un’ipotetica situazione attuale. Fatti 100 i fondi disponibili per l’Italia, di questi, 35 vanno al Nord, 35 al Centro e 30 al Sud.

In realtà, non è così, perché, senza autonomia differenziata, al Sud vanno già meno fondi rispetto alla nostra ipotesi di 30 su 100. Ma partiamo da 30 su 100.

Con l’autonomia differenziata – il nostro è solo un esempio, ovviamente – il Nord e il Centro, invece di prendere 35 a testa su 100 andrebbero a prendere 40 a testa su 100.

A chi dovrebbero toglierli questi 10 se non al Sud?

I leghisti di Salvini, negando l’evidenza, ammettono che sì, alle Regioni Lombardia e Veneto andrebbero più soldi (ma anche l’Emilia Romagna amministrata dal centrosinistra ha chiesto di tenersi il ‘residuo fiscale’ e, a quanto pare, anche al Piemonte, amministrato sempre dal centrosinistra, la ‘Secessione dei ricchi’ non dispiacerebbe: bella la ‘sinistra’ leghista, no?).

In compenso, ci fanno sapere i leghisti, a noi meridionali resterebbero le “opportunità”. E cosa sono queste “opportunità”? Dal nostro punto di vista è l’opportunità di dare il voto a chi ci vuole fregare: una bella “opportunità”, non c’è che dire!

Ragazzi, la cosa è geniale: i leghisti siciliani che vanno dietro a Salvini devono convincere gli elettori del Sud (e quindi anche gli elettori siciliani) a votare per una forza politica che vuole tagliere allo stesso Sud (e quindi anche alla Sicilia) una barca di soldi!

Guardate che ci vuole coraggio, genialità e una grande dose di faccia tosta per chiedere i voti alle persone offrendo, in cambio, un taglio di fondi alla sanità e alla scuola.

Eh già, perché il citato professore Viesti, che nella vita fa l’economista e i conti li ha fatti al centesimo, ha calcolato che per assicurare alle Regioni del Centro Nord Italia il ‘residuo fiscale’ bisognerà tagliare alle Regioni del Sud i fondi per la sanità e per la scuola. Non è solo un problema politico: è pura aritmetica!

Ora mettetevi nei panni dei candidati leghisti alle elezioni europee nella circoscrizione Sicilia-Sardegna: cosa debbono andare a raccontare ai siciliani e ai sardi? Dateci i voti che vi leviamo i soldi?

La cosa è ‘complessa’. E’ per questo che i ‘cervelli fini’ della Lega non hanno ancora pronti gli slogan per i manifesti. Per ora stanno ‘riflettendo’. Mannaggia, se non ci fosse stato di mezzo ‘st’autonomia differenziata tutto sarebbe stato facile:

“I migranti ci invadono”, “Porti chiusi”, “Prima gli italiani” e bla bla bla. Il problema è che, con ‘sta ‘Secessione dei ricchi’, come si direbbe dalle nostre parti, chisti si vonnu futtiri i picciuli nostri.

E allora? Come direbbero a Sciacca, va cunza ‘sta barracca…

Foto tratta da inews24.it

 

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti