Verso le elezioni europee 2/ I deputati europei? 24 mila euro al mese per tre dipendenti, più lo ‘stipendio’/ MATTINALE 230

Verso le elezioni europee 2/ I deputati europei? 24 mila euro al mese per tre dipendenti, più lo ‘stipendio’/ MATTINALE 230
5 aprile 2019

Nei giorni scorsi il neo tesoriere del PD, Luigi Zanda, è stato oggetto di roventi critiche. Motivo: ha proposto di equiparare le indennità dei circa mille parlamentari italiani di Camera e Senato della Repubblica a quelli del Parlamento europeo. Zanda è stato massacrato. Ma nessuno – chissà perché – si è lamentato della ‘botta’ di soldi che viene spesa ogni mese per mantenere i parlamentari europei. Vediamo di che si tratta

Nella prima puntata del nostro ‘viaggio’ verso le elezioni europee di maggio abbiamo cercato di illustrare quanto conta il Parlamento europeo. E abbiamo scoperto che non conta nulla, perché fanno tutto le burocrazie, che sono al servizio di chi, in realtà, controlla oggi l’Unione Europea dell’euro: le massonerie finanziarie e bancarie, la Banca Centrale Europea (BCE) e le multinazionali. Oggi proveremo a raccontare come l’Europa unita (o quasi) fa in modo che gli europarlamentari non facciano tante storie. Il metodo è semplice: pagarli profumatamente, direttamente e indirettamente.

Nei giorni scorsi è andata in scena una polemica incentrata sul neo tesoriere del Partito Democratico, Luigi Zanda. Il quale è finito nell’occhio del ciclone per aver lanciato la proposta di estendere ai circa mille parlamentari italiani di Camera dei deputati e Senato della Repubblica lo stesso trattamento economico percepito dai parlamentari europei.

Non vogliamo difendere Zanda, che sa difendersi per i fatti propri. Oggi vogliamo segnalare l’ipocrisia di chi ha attaccato Zanda.

L’accusa che è stata rivolta a Zanda è la seguente: con la sua proposta l’indennità parlamentare dei deputati e dei senatori italiani passerebbe a circa 19 mila euro al mese. Se non abbiamo capito male, da 4 a 5 mila euro al mese in più rispetto a quanto percepiscono oggi i parlamentari nazionali italiani.

A chi ha criticato questa proposta chiediamo: perché i parlamentari europei devono avere un’indennità parlamentare maggiore dei parlamentari italiani? Sono più bravi o che altro?

Sarebbe stato corretto dire: l’iniziativa è sbagliata ed è sbagliato che un parlamentare europeo si porti a casa, ogni mese, circa 19 mila euro. Ma questo non è stato detto: hanno attaccato Zanda e basta. Dando per assiomaticamente scontato che gli eurodeputati debbano guadagnare di più dei parlamentari italiani!

In realtà – come i grillini sanno bene: e citiamo loro perché sono stati i primi a criticare Zanda – l’operazione tentata dal tesoriere del Partito Democratico (che a nostro modesto avviso non parlava a titolo personale) non riguarda solo l’indennità parlamentare mensile. C’è dell’altro. Proviamo a descrivere di cosa si tratta.

Ogni europarlamentare europeo, oltre all’indennità mensile, ha diritto a tre collaboratori che vengono pagati direttamente dal Parlamento europeo. Ogni collaboratore costa alle ‘casse’ dell’euro Parlamento circa 8 mila euro al mese.

Sommando il costo dei tre collaboratori, il Parlamento europeo, per ogni parlamentare, oltre a 19 mila euro al mese di indennità, spende 24 mila euro al mese per i tre collaboratori.

Il fatto che questi 24 mila euro al mese non passino per le tasche dell’europarlamentare significa poco: sono soldi pubblici – pagati dai cittadini europei – per mantenere tre collaboratori per ogni europarlamentare.

I tre collaboratori vengono scelti da ogni europarlamentare, senza vincoli familiari. Ciò significa che l’europarlamentare può assumere chi vuole: anche, eventualmente, un suo parente.

L’operazione tentata con l’equiparazione dei parlamentari nazionali ai parlamentari europei, come si può notare, era ed è – perché a nostro avviso torneranno alla carica – molto più profonda.

Facciamo quattro conti. I parlamentari italiani, tra Camera e Senato, come già accennato, sono circa mille. Se ogni parlamentare dovesse assumere tre persone anche il costo di un parlamentare italiano passerebbe a 19 mila euro, come è stato detto e scritto; ma ai 19 mila euro mensili di indennità si andrebbero a sommare i più 24 mila euro al mese per pagare direttamente i tre collaboratori di ogni deputato della Camera e di ogni senatore.

Lo ricordiamo ancora una volta: senza vincoli di parentela.

Fatti quattro conti, ogni parlamentare, solo per i collaboratori, farebbe spendere al Parlamento nazionale circa 300 mila euro all’anno. Una somma che andrebbe moltiplicata per il numero di deputati e senatori, cioè circa mille. Costo complessivo dei collaboratori: circa 300 milioni di euro all’anno.

Come potete notare, la vera ‘operazione’ era questa: aumentare sì l’indennità parlamentare a 19 mila euro mensili, ma soprattutto consentire ad ogni parlamentare di assumere tre collaboratori tutti ‘spesati’…

Foto tratta da youtg.net 

Fine seconda puntata/ continua

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti