L’arresto di Paolo Ruggirello, ascesa e caduta di un potente di Trapani finito nel PD

L’arresto di Paolo Ruggirello, ascesa e caduta di un potente di Trapani finito nel PD
5 marzo 2019

Paolo Ruggirello: la sua lunga avventura politica e la tegola giudiziaria che gli è caduta in testa presentano due chiavi di lettura. La prima è soggettiva, e riguarda lui. La seconda tocca da vicino la ‘trasformazione’ della sinistra siciliana che, soprattutto con l’avvento di Renzi, ha completamente mutato il proprio ‘genotipo’: tant’è vero che, in queste ore, il PD è impegnato non con i più poveri, ma in sostegno della TAV, la stessa battaglia politica di Berlusconi e dei leghisti…   

Dopo un lungo giro tra vari schieramenti politici – socialista, Nuova Sicilia, Movimento per l’Autonomia, centrodestra – Paolo Ruggirello, oggi arrestato, era approdato nel centrosinistra, per la precisione nel PD renziano. E con il centrosinistra è stato candidato alle elezioni regionali del novembre 2017 e poi alle ultime elezioni politiche del 4 marzo 2018, in lista nella corsa per il Senato direttamente con il PD, ma senza successo.

Poco meno di anno dopo la sconfitta alle elezioni politiche nazionali – e siamo arrivati ai giorni nostri – Paolo Ruggirello è finito agli arresti. Secondo gli inquirenti, dalle indagini emergerebbero rapporti con il mondo non esattamente cristallino della criminalità organizzata. Lo scenario è il solito: affari, assunzioni, sostegno elettorale.

Le indagini che coinvolgono l’ex parlamentare regionale sono coordinata dal procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, Francesco Lo Voi, dal procuratore aggiunto Paolo Guido e dai sostituti procuratori Gianluca De Leo e Claudio Camilleri. Indagini che hanno portato allo smantellamento del nuovo vertice di Cosa nostra a Trapani.

Noi non ci occupiamo quasi di cronaca giudiziaria. Se oggi facciamo un’eccezione è perché la vicenda incrocia la politica e l’amministrazione pubblica della Sicilia. Nelle indagini gli inquirenti hanno posto l’attenzione sull’edilizia, sullo smaltimento dei rifiuti e anche nel mondo del turismo che, nella provincia di Trapani, è sempre stato problematico. In questa vicenda, in particolare, le indagini hanno puntato i riflettori sul Grand Hotel Florio che si trova nell’isola di Favignana, che è stato sottoposto a sequestro insieme con altri beni per un valore complessivo di 10 milioni di euro.

Noi, in questa storia, vogliamo illustrare il contesto politico di una provincia – Trapani – molto ‘complicata’ sotto tanti punti di vista. Compreso, naturalmente, il punto di vista politico.

Già, la politica. Chi conosce un po’ le vicende politiche siciliane degli anni ’70, ’80 e ’90 del secolo passato non potrà non aver conosciuto Bartolo Pellegrino, che è stato, per anni, il punto di riferimento di Paolo Ruggirello.

Nella cosiddetta Prima Repubblica Pellegrino era un esponente di primo piano del Partito Socialista: conosciuto come l’uomo politico in grado di risollevarsi sempre. E così è stato: tra alti e bassi, Pellegrino è passato indenne dalla Prima alla Seconda Repubblica e negli anni ’90 ha dato vita a un soggetto politico – Nuova Sicilia – che ha dato battaglia. Non senza una parentesi accanto all’ex Presidente del Consiglio dei Ministri, Lamberto Dini.

In quegli anni Paolo Ruggirello era vicino a Pellegrino. Con molta probabilità, la sua famiglia – una famiglia molto importante a Trapani – aveva deciso di lanciarlo nell’agone politico.

Una piccola parentesi sulla famiglia Ruggirello è importante. Il personaggio centrale è il padre di Ruggirello che, da ragioniere, a partire dagli anni ’60, è riuscito a diventare una delle figura imprenditoriali più importanti della provincia di Trapani.

Sua un’impresa molto nota nel mondo degli appalti, soprattutto nella manutenzione delle strade; ma anche con un occhio al mondo del credito, negli anni in cui Trapani era la provincia siciliana dove vedevano la luce tante aziende di credito. Una di queste banche – la Banca Industriale – faceva capo proprio alla famiglia Ruggirello.

Non solo. Grande appassionato di calcio, il papà di Paolo Ruggirello era il patron della Trapani calcio.

Il papà di Ruggirello viene a mancare nel 1995. E le redini imprenditoriali passano alla figlia Bice. Lui, paolo, resta nel mondo politico, sempre accanto a Pellegrino.

Con lo ‘scivolone’ di Bartolo Pellegrino, costretto a dimettersi da assessore regionale del primo Governo di Totò Cuffaro per aver utilizzato parole non esattamente lodevoli nei confronti delle forze dell’ordine, Ruggirello entra nell’agone politico. O meglio: era già nell’agone politico e, con l’uscita di scena di Pellegrino diventa una figura di primo piano.

Ruggirello è stato eletto in Assemblea regionale siciliana per tre legislature: nel 2006, nel 2008 e nel 2013.

Nel 2015 è entrato nel Partito Democratico insieme con altri politici chiamati dai renziani. Il passaggio di Ruggirello nel PD non è stato, sotto il profilo politico, una questione legata ai numeri che mancavano a Sala d’Ercole all’allora presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta.

La sua è stata un’adesione ‘politica’ voluta dai renziani siciliani per ‘allargare’ la presenza del PD nell’Isola. Il passaggio è fondamentale, perché spiega, meglio di qualunque analisi sociologica, la trasformazione ‘genetica’ del primo soggetto politico della sinistra italiana.

Lungi dal diventare il riferimento dei ceti deboli, il PD ha optato per i ricchi, nella convinzione che è da lì che può arrivare il consenso sociale ed elettorale.

E la storia del PD non è cambiata. La prima uscita del nuovo segretario nazionale del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, non è stata in mezzo ai poveri, ma in Piemonte, a sostenere la TAV. In bella compagnia: con Berlusconi e con la Lega di Salvini.

La sinistra…

 

 

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti