I grillini all’attacco dell’assessore Ruggero Razza: “Deve andare a casa”

I grillini all’attacco dell’assessore Ruggero Razza: “Deve andare a casa”
11 gennaio 2019

L’attuale assessore alla Salute-Sanità, nei giorni sorsi, ha detto che il Governo nazionale ha approvato la rete ospedaliera della Sicilia. Ma, a quanto pare, le cose non stanno proprio così. Il Ministero, infatti, avrebbe sottolineato la necessità di alcuni adeguamenti. Cosa della quale l’assessore regionale non ha fatto cenno 

Per qualche giorno ai siciliani è stato detto che il Ministero della Salute-Sanità ha approvato la rete ospedaliera frutto, peraltro, del lavoro del passato Governo regionale (e, in particolare, dell’ex assessore regionale alla Salute-Sanità, Baldo Gucciardi). Così ha detto l’attuale assessore regionale, Ruggero Razza. Ma a quanto pare le cose non stanno così, perché il Ministero della Salute-Sanità ha smentito l’assessore regionale.

Da qui l’attacco dei parlamentari regionali del Movimento 5 Stelle all’assessore Razza:

“Altro che ok per la rete ospedaliera. Se il governo regionale non mette le urgentissime le toppe richieste dal governo nazionale rischia la clamorosa bocciatura da Roma. Le bugie di Razza-Pinocchio, che aveva parlato di approvazione da parte del Ministero, purtroppo hanno le gambe cortissime e la smentita del ministro Grillo lo ha palesemente dimostrato”.

A parlare è il capogruppo del M5S all’Ars e componente della commissione Salute-Sanità del Parlamento siciliano, Francesco Cappello, a commento della smentita ministeriale della fantomatica approvazione da parte di Roma della rete ospedaliera siciliana.

“Bene ha fatto il Ministro Giulia Grillo – dice Cappello – a smentire Razza, che ha omesso dolosamente di riferire ai giornalisti di dovere ottemperare alle prescrizioni dei Ministeri della Salute e dell’Economia per allineare la rete ospedaliera, approvata con i voti della maggioranza di governo e del PD in Commissione Salute in Sicilia, a quanto prescritto dal Tavolo ministeriale per l’applicazione del DM70″.

“Se ciò non avverrà, ci pare evidente e logico che la rete si dovrà considerare bocciata. Altro che ok, altro che altro che 5000 assunzioni. Siamo già al 10 gennaio – conclude Cappello – e a parte roboanti annunci smentiti dal Ministro della Salute che evidentemente rende più che fondate le critiche avanzate in commissione dai componenti del M5S, ci troviamo di fronte all’assoluta incompetenza e falsità di un assessore che ha mentito spudoratamente ai siciliani e nei cui confronti il M5S avanzerà una mozione di censura per ottenerne le dimissioni”.

In realtà, se proprio la dobbiamo dire tutta, noi ci saremmo aspettati che l’attuale Ministro della Salute-Giulia Grillo, aggiornasse il Decreto Ministeriale n. 70 del 2015, che porta il nome dell’ex Ministro, Renato Balduzzi.

In ogni caso, aspettiamo di capire come stanno le cose.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti