Il 9 gennaio manifestazione dei forestali: il Governo Musumeci deve ancora pagare novembre e dicembre

Il 9 gennaio manifestazione dei forestali: il Governo Musumeci deve ancora pagare novembre e dicembre
3 gennaio 2019

A quanto pare, tra l’eletta schiera dei ‘malupaaturi’ non c’è solo il Comune di Palermo. Anche la Regione siciliana non ‘babbia’, se è vero che deve ancora pagare agli operai della Forestale gli stipendi di novembre e dicembre. Da qui la protesta del SIFUS, che ha organizzato una protesta mercoledì 9 gennaio. L’adesione dei lavoratori di ESA e Consorzi di bonifica

C’è una notizia un po’ snobbata: la manifestazione di protesta annunciata per mercoledì 9 gennaio dagli operai della Forestale che aderiscono al SIFUS, il sindacato che si batte per la stabilizzazione di questi lavoratori molto bistrattati. L’appuntamento è a Palermo – come già accennato mercoledì 9 gennaio – davanti la sede del dipartimento Sviluppo e Territorio della Regione siciliana.

La domanda è: come mai questi lavoratori protestano? E come mai, se ci sono effettivamente dei problemi, a segnalarli è solo questa organizzazione sindacale? Poiché siamo un po’ curiosi di natura, siamo andati a leggere quali sono le ragioni di questa protesta. E abbiamo scoperto che il Governo regionale deve ancora pagare a questi lavoratori le mensilità di novembre e dicembre 2018!

Quindi non è solo il Comune di Palermo a ‘fregiarsi’ del titolo di malupaaturi (con riferimento ai mille e 840 dipendenti della RAP – l’azienda che si occupa della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti – che a Natale non avevano ancora ricevuto né lo stipendio, né la tredicesima)?

Insomma, anche la Regione siciliana paga in ritardo.

Cosa chiedono i forestali iscritti al SIFUS?

In primo luogo – e ci mancherebbe! – il pagamento degli stipendi arretrati.

In secondo luogo, una legge che stabilizzi la spesa 2018.

In terzo luogo che la Regione, per la messa in sicurezza del territorio, utilizzi i forestali, gli operai dei Consorzi di bonifica e gli operai dell’ESA (e questo ci dice che questa organizzazione sindacale ha pescato associati tra i Consorzi di bonifica e tra gli operai dell’ESA).

In quarto luogo la modifica del contratto integrativo del quale hanno menato vanto ben due Governi regionali: il Governo di Rosario Crocetta e l’attuale Governo di Nello Musumeci (da qui la domanda: ma se ai forestali questo contratto integrativo non piace di cosa si sono vantati a fare i governanti, o presunti tali, della Sicilia?).

In quinti luogo la riforma del settore forestale e dei Consorzi di bonifica.

Prima o durante la manifestazione avrà luogo una conferenza stampa.

“Il mancato pagamento degli stipendi – scrive su Facebook il segretario del SIFUS, Maurizio Grosso – è un fatto gravissimo, a maggior ragione per i forestali che lavorano tre mesi l’anno, poiché significa che, in dodici mesi, hanno percepito un solo stipendio”.

Grosso attacca frontalmente “qui quo qua” che – proviamo a indovinare, dovrebbero essere CGIL, CISL e UIL, che, sui forestali, sono tornati al silenzio. Questo aspetto – il silenzio delle ‘triplice’ – merita una breve digressione.

Dal 2008 al 2017 – cioè quando la Regione siciliana è stata governata dal centrosinistra (Governo Lombardo 2008-2012, Governo Crocetta 2012-2017) – CGIL, CISL e UIL non si sono più occupati di alberi e foreste.

Con l’arrivo del Governo di centrodestra di Nello Musumeci (che, in effetti, sembrava di centrodestra…) i ‘capi’ di CGIL, CISL e UIL che si occupano di forestali si sono ‘svegliati’ e, in un momento di estasi, hanno anche dichiarato di essere favorevoli alla stabilizzazione!

Poi non capiamo che è successo, perché hanno di nuovi perso la parola. Probabilmente, prima di parlare di nuovo, vorranno capire cosa succederà nel PD, cioè la ‘holding’ della sinistra…

 

 

 

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti