La grande idea del Governo Musumeci: nuove tasse per i siciliani e la TARI nella bolletta elettrica!/ MATTINALE 235

La grande idea del Governo Musumeci: nuove tasse per i siciliani e la TARI nella bolletta elettrica!/ MATTINALE 235
28 dicembre 2018

Il primo a lanciare l’idea è stato il sindaco di Catania, Salvo Pogliese: la TARI nella bolletta della fornitura dell’energia elettrica. L’idea piace sia all’ANCI Sicilia, sia al Governo regionale. Del resto, in Sicilia centrodestra e centrosinistra sono in caduta libera: visto che perderanno le elezioni europee del prossimo anno tanto vale ‘spremere’ a dovere i cittadini siciliani… L’ammucchiata trasformista sognata da Gianfranco Miccichè

I Comuni siciliani non sono in crisi perché lo Stato e la Regione siciliana hanno ridotto i trasferimenti, ma perché gli stessi Comuni della nostra Isola non ‘spremono’ a dovere i cittadini. Parola degli ‘intellettuali-studiosi’ dell’assessorato regionale dell’Economia che sono arrivati alla ‘intelligente’ conclusione che i siciliani debbono pagare più tasse!

Insomma, il Governo regionale di centrodestra prepara un bel 2019 per i siciliani: nuove tasse, nuove imposte e controlli più serrati a carico dei cittadini per costringerli a pagare le tasse.

Ha fatto da apripista il sindaco di Catania, Salvo Pogliese. Avendo ereditato un Comune con un miliardo e 600 milioni di ‘buco’ e con un’evasione della TARI – la Tassa sull’immondizia – del 50% circa, Pogliese, ex Alleanza nazionale, oggi Forza Italia, ‘renziano’ nell’anima, ha pensato bene di chiedere a Roma di ‘infilare’ la TARI nella bolletta elettrica.

Così i catanesi che evadono la TARI si vedranno staccata la fornitura di energia elettrica. Il tutto in perfetto accordo con i dettami dell’Unione Europea liberista dell’euro: massacrare i cittadini con tasse e imposte fin dov’è possibile e, magari, anche nell’impossibile.

Del resto, essendo stato europarlamentare, Pogliese deve avere imparato bene la lezione liberista di Bruxelles. Insomma, ormai il sindaco di Catania è ”nsignatu‘.

Roma, fino ad ora, ha ‘bocciato’ la proposta del sindaco di Catania Pogliese. Che c’è rimasto molto male.

La ‘ricetta’ Pogliese oggi ‘solletica sia l’ANCI siciliana, sia lo stesso Governo siciliano. E il motivo c’è: l’ANCI Sicilia è presieduto da Leoluca Orlando, il sindaco di Palermo che non è messo meglio del sindaco di Catania, se è vero che il Comune del capoluogo siciliano deve oltre 50 milioni di euro alla RAP, la società che si occupa della raccolta dei rifiuti.

Palermo, ormai da mesi, è sommersa dai rifiuti. A Natale i dipendenti della RAP non hanno percepito né lo stipendio, né la tredicesima. E siccome a Palermo l’evasione della TARI sfiora il 30%, beh, perché non provare a dare un’altra ‘spremuta’ ai palermitani?

Palermo è una città con una pressione fiscale elevatissima e con servizi pessimi: gli autobus sono un miraggio, le strade sono quasi tutte dissestate, i 15 Km di Tram sono tragicomici (servono meno dell’1% della popolazione, sono costati 320 milioni di euro e costano ogni anno 10 milioni di euro di manutenzione per la gioia di chi l’effettua), interi quartieri della città sono spesso al buio (in queste ore è toccato a Mondello), la spesa sociale è ridotta al minimo, la sanità pubblica è un delirio e, come già ricordato, l’immondizia lungo le strade e i marciapiedi è la regola.

E a cosa stanno pensando il Comune di Palermo amministrato dal centrosinistra e la Regione siciliana amministrata dal centrodestra? Di ‘infilare’, renzianamente, la TARI nella bolletta dell’energia elettrica, ‘a tipo’ sindaco di Catania.

Qualcuno potrebbe obiettare agli ‘intellettuali-studiosi’ dell’assessorato regionale all’Economia che, nel giro di pochi anni, il Fondo regionale per le Autonomia locali è passato da quasi un miliardo di euro all’anno a poco più di 300 milioni all’anno erogati – quando va bene – alla fine di ogni anno e mai all’inizio dell’anno, come avviene nei Paesi civili.

E i cittadini siciliani poveri che non pagano la TARI non per capriccio, ma perché non hanno soldi? S’ha futtino iddi! E sì, quando il liberismo ‘europeista’ arriva, arriva per tutti…

Ma che importa? Ormai è anche un questione elettorale. In Sicilia il centrosinistra è in caduta libera. Non a caso il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè – che è in caduta libera in un centrodestra siciliano a propria volta insediato dalla Lega di Salvini che ha messo incredibilmente radici anche nella nostra Isola – non fa altro che prospettare inciuci elettorali al sindaco di Palermo e al PD.

Il ragionamento di Miccichè ha una sua logica: è vero che io, dentro il centrodestra siciliano sono accerchiato e ormai conto quanto il due di spade con la briscola a denari, però anche voi, amici del centrosinistra, siete muru cu muru cu ‘u spitali; allora anche tu, Musumeci, vieni pure con noi: facciamo un listone unico contro la Lega e contro i ‘populisti’ e come finisce si racconta!

Il discorso, ovviamente, vale per le elezioni europee del maggio del prossimo anno. Tutti uniti, allora, dice Miccichè. E se siamo tutti uniti, beh, non resta che affidarsi al voto clientelare: quindi tasse e imposte per tutti e favori agli amici… Tanto alla Regione, al Comune di Palermo e nei Comuni dove amministriamo, per i prossimi tre-quattro anni non ci possono buttare fuori…

 

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti