AGEA: il Governo giallo-verde pone fine ai ritardi nei pagamenti agli agricoltori

AGEA: il Governo giallo-verde pone fine ai ritardi nei pagamenti agli agricoltori
28 dicembre 2018

Il presidente di Confagricoltura Sicilia, Ettore Pottino, nel dare atto all’attuale Governo nazionale di aver posto fine a un’ingiustizia che ha creato enormi danni alle aziende agricole, si abbandona a un retro-pensiero: “La leggenda metropolitana che circolava negli anni scorsi, che i vari Governi per avere liquidità ritardavano i pagamenti agli agricoltori tanto leggenda non è…” 

Scrive sulla propria pagina Facebook Ettore Pottino, presidente di Confagricoltura Sicilia:

“E’ arrivato il saldo AGEA …mai successo prima. Ma allora la leggenda metropolitana che circolava negli anni scorsi che i vari Governi per avere liquidità ritardavano i pagamenti agli agricoltori tanto leggenda non è…”.

AGEA, per la cronaca, è l’Agenzia dello Stato che effettua i pagamenti in agricoltura. Si tratta, per lo più – almeno per la Sicilia (ma anche per le altre tre Regioni ad Obiettivo Convergenza: Campania, Puglia e Calabria) – di fondi europei del Piano di Sviluppo Rurale (PSR).

I ritardi nei pagamenti riguardano tutta l’Italia. In Sicilia gli effetti negativi sono stati forse maggiori, sia perché i ritardi nei pagamenti ‘viaggiavano’ da due a tre anni, sia perché la nostra Isola è la prima Regione italiana per agricoltura biologica. Chi investe in agricoltura biologica affronta costi fissi e variabili maggiori: ciò significa che i ritardi nei pagamenti possono pregiudicare la stessa vita delle aziende agricole ‘bio’.

raggiungiamo al telefono Ettore Pottino per maggiori informazioni su quanto sta succedendo:

“L’ho scritto – ci dice il presidente di Confagricoltura Sicilia – quest’anno, per la prima volta dopo oltre un decennio, il Governo nazionale sta pagando gli agricoltori rispettano i tempi. Di solito, erogavano l’anticipazione e poi il saldo veniva rinviato all’anno successivo e, in alcuni casi, agli anni successivi. Creando enormi problemi agli agricoltori. Dobbiamo dare a Cesare quel che è di Cesare: con il nuovo Governo nazionale di grillini e leghisti il saldo è stato pagato nello stesso anno”.

Un fatto positivo.

“Assolutamente positivo. A questo punto non so se abbracciare la causa dei grillini o dei leghisti. Scherzi a parte un retro-pensiero c’è”.

Che è quanto ha scritto nella sua pagina Facebook: e cioè che i passati Governi nazionali ritardavano i pagamenti in agricoltura per avere a disposizione liquidità e, magari, pagare altri settori…

“Per l’appunto”.

Lo sa che I Nuovi Vespri questa tesi – e cioè che il Governo nazionale si teneva i soldi degli agricoltori per pagare altro – l’ha scritto più volte? Così, tanto per citare un esempio, a proposito dei ritardi nei pagamenti da parte di AGEA, lo scorso 29 giugno abbiamo scritto:

“Ci sono, indubbiamente, responsabilità degli uffici della Regione. Ma le maggiori responsabilità sono da addebitare ad AGEA, o meglio, al passato Governo nazionale che, con molta probabilità, ha utilizzato i soldi destinati agli agricoltori per effettuare pagamenti in altri settori” (QUI IL NOSTRO ARTICOLO DELLO SCORSO GIUGNO PER ESTESO).

“Ricordo perfettamente i vostri articoli – aggiunge Pottino -. Detto questo, non possiamo che essere contenti”.

Da quando sono cominciati i ritardi nei pagamenti in agricoltura?

“Sono cominciati nel 2008 con il Governo Berlusconi. E sono proseguiti con il Governo Monti, con il Governo Letta, con il Governo Renzi e con il Governo Gentiloni”.

E sono finiti con l’attuale Governo nazionale giallo-verde.

“Almeno fino ad oggi è così. Ci auguriamo di non dovere più subire ritardi nei pagamenti”.

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti