Dobbiamo ammetterlo: la Grande distribuzione organizzata ha distrutto mezzo mondo!

Dobbiamo ammetterlo: la Grande distribuzione organizzata ha distrutto mezzo mondo!
10 dicembre 2018

E’ arrivata piano piano. Ha provocato immani disastri economici e sociali, distruggendo il piccolo commercio artigianale. Ha massacrato i nostri agricoltori. E adesso va scomparendo. Si calcola che, nei prossimi anni, solo in Italia, la Grande distribuzione organizzata licenzierà circa 200 mila persone. In USA la crisi è già realtà. Ora è il turno della Francia dei ‘Gilet Gialli’

di Domenico Iannantuoni

Di Grande distribuzione organizzata ne ho fatta troppa, a partire dal 1980. All’epoca erano tempi duri e gli ipermercati faticavano a decollare. Carrefour decise quindi di liquidare le sue prime proprietà e cioè quelle di Carugate, Paderno Dugnano e quindi Montebello della Battaglia, che andò al socio Sig. Marco Brunelli, inventore prima, con Mr Caprotti e Rockfeller, dell’Esselunga; poi realizzatore della G.S. Supermercati. Vennero quindi gli anni bui delle Brigate Rosse e l’azienda parastatale G.S. passò in altre mani ed eccoci oggi in Finiper…sempre Mr. Marco Brunelli, sempre lui al governo di parte di questa Grande distribuzione che lentamente cresceva fino a trovare poi ritmi mostruosi di espansione.

Un volta chiesi, da ingegnere, il significato di Grande distribuzione e la risposta fu “Un po’ di tutto”, oppure “No parking, no business” e così via. Ma in realtà io capivo che questa Gdo era un vero massacro per l’intero Paese Italia… I piccoli negozi chiudevano a ritmi serrati in cambio di poche centinaia di posti di lavoro per ogni Ipermercato e oggi siamo al collasso: prezzi bassi, vendita dello sconto, strozzinaggio verso i veri produttori di beni e servizi, agricoltori e produttori, ed i salari sono bassi, troppo bassi per reggere il colpo.

Pensate che il famoso 1/3+ 1/3+ 1/3 di una volta, equa ripartizione della ricchezza tra agricoltori, produttori e Gdo oggi è diventato 2/3 + 1/3; ovviamente i 2/3 sono per la Gdo (Grande distribuzione organizzata). Essa decide tutto della nostra vita: prezzi, buone entrate, sconti e promozioni gratuite come un TIRANNO; o ci stai o sei fuori dal giro!

Il mercato si è poi diviso in due parti: quello per i RICCHI e l’altro per i POVERI e chi ha i soldi si salva potendo acquistare i prodotti migliori.

Ma a chi sono rimasti i soldi dopo la scomparsa della Classe media? Nei prossimi due anni la Gdo italiana vedrà licenziamenti per almeno duecentomila persone, negli USA questa piaga è già iniziata da qualche anno ed ora è il turno della Francia.

Qualcuno timidamente inizia a dire che si stava meglio prima. La scelta della Gdo è stata abominevole e noi come capre abbiamo seguito l’invito dei pifferai magici.

Ipermercati sempre più grandi fino al 1991/95, Centri commerciali in sussidio, Outlet in risposta meschina e intanto il Paese perdeva il suo tessuto vitale.

Quanti negozianti hanno ceduto nel frattempo le proprie licenze e quanti hanno chiuso? I conti di questo nostro Paese disastrato oggi non tornano più né al Nord, né al Sud. Le Città sono sempre più vuote e senza autovettura non vai da nessuna parte; aspettiamoci il peggio!

Foto tratta da etrust-italia.it

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti