Il Governo regionale sospende i lavoratori della Forestale per mancanza di soldi

Il Governo regionale sospende i lavoratori della Forestale per mancanza di soldi
2 novembre 2018

La notizia la apprendiamo dalla pagina Facebook del SIFUS e da qualche lavoratore. A quanto pare, non sarebbero disponibili i  Fondi per lo Sviluppo e la Coesione. La cosa è assai strana, perché tali fondi sono della Sicilia. L’atmosfera diventa pesante e, se la cosa non si risolverà, si annunciano proteste. Tutto questo avviene mentre il territorio siciliano cade a pezzi per mancanza di manutenzione

Sospensione del lavoro per i lavoratori della Forestale? La notizia è molto strana, perché questo si verifica in un momento in cui, per mancanza di manutenzione del territorio, gli allagamenti si susseguono in tutta la Sicilia (ma anche nel resto d’Italia). Si parla di piogge “tempestose”, tanto per nascondere l’abbandono delle città e delle strade.

La notizia che l’amministrazione regionale starebbe procedendo alla sospensione dei lavoratori della Forestale l’apprendiamo dalla pagina Facebook di Salvatore Centorbi, un lavoratore iscritto al SUFUS, il sindacato che si batte per la stabilizzazione dei lavoratori della Forestale:

“Mentre la Sicilia affonda nel fango … il governo che fa?  SOSPENDE I FORESTALI. Da domani i forestali 78sti del distretto Monte Lauro della provincia di Siracusa siamo sospesi. Oggi alle 13.10 …venti minuti prima di staccare dal lavoro ci arriva la lieta notizia.
Dico …siamo uomini o bestie.
VERGOGNA”.

Sulla pagina Facebook di Maurizio Grosso, segretario del SIFUS, la notizia viene confermata:

“Probabile blocco dei cantieri a causa di indisponibilità di Fondi per lo Sviluppo e la Coesione”

Si tratta di fondi che la Regione siciliana non ha utilizzato negli anni passati e che sono stati riprogrammati: da qui la domanda: se sono fondi della Sicilia già riprogrammati come mai non sono disponibili?

Grosso dice che l’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera, starebbe “lavorando per superare il problema”.

A questo punto c’è da preoccuparsi, perché l’assessore Bandiera, piuttosto che risolverli, i problemi o li crea o non li affronta. Non dobbiamo dimenticare che stiamo parlando dell’assessore all’Agricoltura che, sette mesi fa, ha annunciato i controlli sulle navi cariche di grano e, in generale, sulle derrate alimentari che arrivano in Sicilia. Ma alle parole non sono seguiti i fatti.

Grosso, da parte sua, dice che le sospensioni dal lavoro dei dipendenti della Forestale procedono in tutta la Sicilia. E ricorda che quello che si sta verificando in questi giorni è accaduto anche negli anni passati. Problemi superati con l’utilizzazione di fondi reperiti dai Governi passati in altri capitoli: cosa, questa, che ha scongiurato che i lavoratori non ultimassero le giornate lavorative.

Lo stesso Grosso ricorda che, nel 2015 – ai ‘gloriosi’ tempi del Governo regionale di Rosario Crocetta – i fondi su altri capitoli non sono stati deperiti e molti lavoratori non riuscirono a completare le giornate lavorative.

Finirà così anche quest’anno? Il rischio c’è. Grosso invita i lavoratori a “rimanere vigili”. Se il quadro non dovesse cambiare fa sapere che il SIFUS “è già pronto ad intraprendere azioni di lotta”.

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti