Coazione a ripetere: vediamo perché in Sicilia non si spendono i fondi europei/ MATTINALE 122

Coazione a ripetere: vediamo perché in Sicilia non si spendono i fondi europei/ MATTINALE 122
5 settembre 2018

Ieri solita sceneggiata-passerella sui ritardi nella spesa dei fondi europei. Bla bla bla di qua e bla bla bla di là. Mai dire la verità: e cioè che basterebbe un organismo di progettazione pubblico. Ma questo metterebbe la parola fine alla scelta dei progettisti dei lavori tra amici e sodali con i quali la politica siciliana organizza scambi di ogni genere… 

Che cosa si deve pensare di una o più persone che non capiscono una cosa semplicissima? Voi direte subito che sono cretini. Ma se queste persone sono il presidente della Regione siciliana Nullo-Nello Musumeci, il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, e i loro codazzo di alti burocrati continuerete a pensarla così?

Forse no. Alcuni di voi penseranno che non sono bene informati, che i loro tecnici non li hanno preparati a dovere e li hanno mandati allo sbaraglio. Altri tra voi penseranno che la loro arroganza è tale e tanta che di consigli e spiegazioni non ne vogliono sapere. Altri ancora che hanno capito benissimo ma che non gliene importa nulla e che a loro basta promettere alcune cose, anche se sanno benissimo che quelle cose non le faranno mai se non cambiano altre cose.

Sto parlando di spesa di fondi europei. Ieri si è svolta l’ennesima, inutile passerella tra i soggetti (in teoria) responsabili della traduzione dei fondi in opere. E ovviamente si è fatta la stessa, unica constatazione possibile allo stato delle cose: ovvero che non si arriverà a spendere questo flusso di finanziamenti e che, pertanto, la Sicilia perderà ancora una volta il treno dell’infrastrutturazione del suo territorio e quindi del suo progresso.

Il tema a questo punto è: perché accade questo? Lo vuole Dio, è la nostra punizione divina, è il nostro karma, è la nostra incapacità genetica, è la nostra modestissima intelligenza? Sono queste le cause che ci precludono di risolvere questo problema che è antichissimo e sempre lo stesso e che da sempre ha le stesse cause?

No, niente di tutto questo. La risposta è che la soluzione non interessa la politica, questa politichetta di miserabili, perché questa politichetta se volesse risolvere il problema dovrebbe rinunciare a ciò che la tiene in vita, rinunciare ad essere politichetta e diventare Politica.

Significherebbe rinunciare ad assumere precari amici degli amici e fare invece concorsi pubblici per dare posti di lavoro a laureati e specializzati in materia comunitaria in grado di risolvere i problemi.

Significherebbe rinunciare al potere politico di interdizione, di ricatto, di influenza, di scambio che ciascuna “forza”politica vuole avere negli infiniti passaggi che l’attuale gestione dei fondi comunitari all’Assemblea regionale e nel Governo della Regione comporta e quindi unificare le procedure, eliminando decine e decine di passaggi burocratici inutili.

Significherebbe rinunciare a scegliersi i progettisti dei lavori tra amici e sodali con i quali fare scambi di ogni genere e invece costituire un organismo di progettazione pubblico che lavorerebbe in orario di lavoro ordinario.

Significherebbe, in una parola, non avere argomenti corruttivi e/di semplice persuasione, e di arrivare disarmati alle elezioni.

I fondi comunitari dunque? Che si fottano!

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti