1 settembre 1939: Hitler invade la Polonia. Attenzione agli errori del passato/ MATTINALE 149

1 settembre 1939: Hitler invade la Polonia. Attenzione agli errori del passato/ MATTINALE 149
1 settembre 2018

Settantanove anni fa la Germania nazista sfidava le democrazie occidentali con l’ennesimo strappo ai trattati di Versailles, sfondando a Oriente. Cominciava la Seconda guerra mondiale. Attenzione al presente. La madre degli stolti è sempre incinta. Il serpente cova sempre

Neofascisti, neonazisti, razzisti, casapoundisti, nazionalisti, destrorsi, nemici dell’Europa unita singoli e associati, ricordate questa data:

alle 4,45 del mattino di 79 anni fa, la nave da guerra tedesca “Schleswig Holstein” apriva il fuoco contro la guarnigione polacca del forte Westerplatte, presso Danzica. Era il primo atto di guerra.

Fu quello l’inevitabile punto di arrivo cui i tanti errori fatti in tutta Europa, dalla fine della prima guerra mondiale, da popoli, nazioni, politici, governanti e gente comune portarono il mondo intero. Fu quello il risultato della progressiva e rapida erosione dei valori di solidarietà tra i popoli che sembravano risorti dopo il terribile massacro consumato durante la guerra precedente.

Sono passati 79 da allora: a tanti quella guerra ormai lontana può sembrare un’astrazione, il suo carico di sangue, di morti, di orrori, di negazione dell’umanità possono apparire irreali, ma non è così.

La madre degli stolti è sempre incinta. Il serpente cova sempre.

Non sembri che le pulsioni scomposte, i tronfi e pettoruti ducetti d’accatto di oggi, i cattivi maestri che attraversano il Paese siano assai diversi da quelli che un secolo fa, a poco a poco, per vanità, per sete di potere, per soddisfare interessi di classe o personali, avviarono la disgregazione del fragilissimo tessuto che si tentava di cucire tra le nazione devastate dalla Grande guerra.

Sarebbe un errore che potrebbe rivelarsi fatale. Teniamoci stretta questa nostra piccola, grande Europa che tra tanti errori, con tutti suoi limiti, ci ha preservati da quello che 79 anni fa fu la più tragica sospensione della civiltà umana. Difendiamola, aiutiamola a crescere, a migliorarsi, a diventare sempre più la casa comune di tutti, senza egoismi, con forza e determinazione, nella certezza del buon diritto di tutti ad una convivenza pacifica tra eguali.

Foto tratta da filodidattica.it

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti