Catania, il sindaco Pogliese come Renzi: TARI nella bolletta ENEL ‘a tipo’ canone RAI!/ MATTINALE 118

Catania, il sindaco Pogliese come Renzi: TARI nella bolletta ENEL ‘a tipo’ canone RAI!/ MATTINALE 118
31 luglio 2018

I catanesi che hanno votato Salvo Pogliese sindaco potrebbero ritrovarsi, a breve, una bella sorpresa: la TARI nella bolletta elettrica. Proprio come ha fatto Renzi con il canone RAI. Del resto, che differenza c’è tra il PD di Renzi e Forza Italia di Berlusconi? A Roma praticamente nessuna. E a Catania idem. E i poveri della Città Etnea? Cavoli loro!

Mario Di Mauro, leader di Terraeliberazione, studioso di storia e di economia, dice che Catania conta oggi tanti poveri. Insomma, se tanti catanesi non pagano tasse e imposte comunali, dice Di Mauro, non lo fanno per il vezzo di evadere, ma perché non hanno i soldi. Ma il nuovo sindaco Salvo Pogliese – alfiere di quel centrodestra non privo di responsabilità in ordine al dissesto finanziario del Comune di Catania – a quanto pare non ci crede. E con i suoi assessori sarebbe pronto ad inserire la TARI – la Tassa sull’immondizia – nella bolletta elettrica!

Eh sì, cari catanesi, votando centrodestra avete fatto un’ottima scelta. Il riferimento non è ai benestanti, ma ai ceti popolari che arrancano. E che, in molti casi, non pagano la TARI. Come scrive La Sicilia on line, nella Città Etnea l’evasione della Tassa per l’immondizia sfiorerebbe il 50% (QUI L’ARTICOLO DE LA SICILIA). Che fare davanti a tale evasione?

Il sindaco Salvo Pogliese – forse perché questa, alla fine, è la sua natura politica, o forse perché a Roma il suo partito, Forza Italia, è alleato con il PD di Renzi per bloccare le nomine RAI della LEGA – starebbe vagliando l’ipotesi di ‘infilare’ la TARI nella bolletta elettrica.

Volendoci pensare, perché stupirsi? Il PD di Renzi non ha nulla a che spartire con i ceti popolari e li ha massacrati. Perché Pogliese, a Catania, non dovrebbe fare la stessa cosa? Forse perché al momento del voto, con gli ‘Impresentabili’, fette consistenti degli stessi ceti popolari votano per il centrodestra?

Ma quello – argomenterebbe un candidato ‘Impresentabile’ – è un ‘suk’: insomma sono voti ‘conservati’, perché attivati con il meccanismo della ‘Impresentabilità’… Regola che, ne siamo certi, verrà applicata anche alle prossime elezioni europee.

Ma sì, come direbbero a Roma, se po’ fa: il renzismo insegna.

Vero è che, al PD di Renzi, in termini elettorali, il canone RAI nella bolletta dell’ENEL non ha portato molta fortuna. Ma, si sa, in Sicilia, nei quartieri popolari – e nessuno, dal 1994 in poi lo sa meglio degli esponenti di Forza Italia e, in generale, del centrodestra – i voti non si prendono con l’ideologia o con la filosofia: si prendono con altri modi, più concreti…

E allora avanti, sindaco Pogliese, proceda pure con la TARI ‘infilata’ nella bolletta ENEL. E pazienza se un bel po’ di ‘evasori’ resterà senza energia elettrica.

Lei ha una grande opportunità, sindaco Pogliese: cominciare da Catania a trasformare la Sicilia nella Grecia di oggi…

Magari arriverà prima di Nello Musumeci alla Regione, tanto della stessa ‘pasta’ politica siete: la grande destra, ora tassaiuola, di Catania!

Foto tratta dal corriereetneo.it

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti