Pubblicità offensiva donne, Sinistra Comune: “Necessaria immediata rimozione manifesto.”

Pubblicità offensiva donne, Sinistra Comune: “Necessaria immediata rimozione manifesto.”
30 luglio 2018

Giusto Catania, Barbara Evola, Katia Orlando, Marcello Susinno, chiedono conto e ragione al sindaco di Palermo con una interrogazione

“Il manifesto pubblicitario comparso in questi giorni in diverse strade della città offende la dignità delle donne, proponendo un’ennesima mercificazione del corpo femminile. Lo dichiarano i quattro consiglieri comunali di Palermo, di Sinistra Comune, Giusto Catania, Barbara Evola, Katia Orlando e Marcello Susinno.

“E’ già pronta una interrogazione sull’accaduto, prova evidente di quanto lunga sia ancora la strada da percorrere contro stereotipi sessisti e discriminazioni di genere. A Palermo, malgrado sia stata dichiarata città ‘libera dalla pubblicità offensiva della dignità della donna’, continuano a comparire pubblicità sessiste ed offensive della dignità femminile, condizioni che favoriscono l’insorgere di episodi di violenza contro le donne. Quasi quotidianamente la stampa riporta casi di femminicidio”.
“Gli stereotipi di genere – continuano i consiglieri- si confermano strumento commerciale diffuso, che alimenta discriminazioni e clima di sopraffazione e ricatto nei confronti dell’altra metà del cielo. Siamo certi che l’Amministrazione interverrà tempestivamente per la rimozione dei manifesti pubblicitari lesivi della dignità della donna, come già avvenuto in precedenti occasioni su nostra iniziativa. Riteniamo comunque che sia opportuno attuare azioni preventive al fine di evitare che altri manifesti vengano affissi.”

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti